Migranti, Aquarius sarà accolta in Spagna

Alzare la voce paga, è stato il commento del Ministro dell’Interno Salvini che aveva chiuso i porti italiani

di fabiana 11 giugno 2018 17:00

Evidentemente alzare la voce, cosa che Italia non faceva da anni, paga. Vittoria. 629 immigrati a bordo della nave Aquarius in direzione Spagna. Primo obiettivo raggiunto. Il governo è rimasto sempre compatto, alla faccia di chi trovava spaccature tra Lega e Cinquestelle. 

Questo il commento del Ministro dell’Interno Matteo Salvini che ha commentato la vicenda Aquarius: la nave della ong Sos Mediterranee  respinta dai porti italiani e in navigazione nel canale di Sicilia da tre giorni con 629 migranti a bordo, inclusi minori, bambini e donne incinte, sarà accolta dalla Spagna. 

Aquarius sarà accolta dalla Spagna a Valencia come ha confermato il primo ministro socialista Pedro Sanchez spiegando che è loro “obbligo aiutare ad evitare una catastrofe umanitaria e offrire un porto sicuro a queste persone”.

La conclusione arriva dopo tre giorni di pressing di Onu e Ue dopo che Salvini aveva deciso di chiudere i porti italiani respingendo l’Aquarius.

Diamo il benvenuto alla decisione del governo spagnolo di permettere a nave Aquarius di sbarcare a Valencia per ragioni umanitarie. Questa è la vera solidarietà messa in pratica, sia verso questo queste persone disperate e vulnerabili, che verso Stati membri partner.

È stato il tweet del commissario europeo Dimitris Avramopoulos ringraziando la Spagna, l’unica ad aver fatto un gesto di solidarietà dopo l’ennesimo appello dell’Onu.

E nel frattempo altri migranti sono stati salvati a largo della Libia: sono circa 800 persone che sarebbero state salvate da imbarcazioni italiane e internazionali.

Oggi anche la nave Sea Watch 3, di Ong tedesca e battente bandiera olandese, è al largo delle coste libiche in attesa di effettuare l’ennesimo carico di immigrati, da portare in Italia. L’Italia ha smesso di chinare il capo e di ubbidire, stavolta c’È CHI DICE NO.#chiudiamoiporti

Ha scritto Salvini su Twitter che ha anche annunciato di aver aperto un fronte a Bruxelles, con il ministro Moavero per contattare la Commissione Europea per far sì che adempia ai propri doveri nei confronti dell’Italia che mai fino a questo momento sono mai stati rispettati.

photo credits | instagram

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti