Lampedusa, partorisce su un gommone alla deriva

Donna somala di 39 anni dà alla luce una bambina su un gommone con a bordo 44 migranti, provenienti dal Nord Africa e che si dirigevano verso le coste siciliane. Mamma e figlia stanno bene. E' il terzo parto dell'anno che avviene lungo la tratta Nord Africa-Lampedusa.

di Simona Vitale 11 Novembre 2011 15:29

E’ somala e ha 39 anni la donna che la scorsa notte ha dato alla luce una bambina su un gommone con 44 migranti a bordo e soccorso dalla nave della marina militare italiana “Foscari” nel canale di Sicilia.

Il gommone sarebbe partito quattro giorni fa dalla Libia e si trovava in precarie condizioni a 55 miglia a sud di Lampedusa, in acque di competenza maltese per quanto riguarda le operazioni di ricerca e di salvataggio. Secondo la guarda costiera, l’imbarcazione sarebbe la stessa dalla quale due giorni fa era stato lanciato un sos per mezzo di un telefono satellitare. Alcuni migranti a bordo avrebbero infatti chiamato alcuni parenti residenti in Italia raccontando di essere in balia delle onde.

I medici dell’ospedale San Giovanni di Dio di Agrigento hanno confermato che, sebbene la donna abbia partorito in condizioni igieniche pessime, sia lei che la bambina stanno complessivamente bene. La donna sarà sottoposta a terapia antibiotica per un paio di giorni, ma nulla di preoccupante.

La bambina, nata due giorni fa sul gommone, pesa 2kg e 600gr e, sebbene sia in buone condizioni, viene monitorata in via precauzionale. Si tratta del terzo neonato partorito nel giro di un anno lungo la traversata che porta dal Nord Africa a Lampedusa. L’Alto commissario Onu per i rifugiati (Unhcr), per mezzo del portavoce Adrian Edward si è detto molto grato alla marina militare italiana per aver soccorso l’imbarcazione nonostante si trovasse in acque maltesi. Le operazioni di salvataggio, tuutavia, sono intervenute dopo 48 ore dalla richiesta di soccorso, un arco di tempo alquanto lungo che in qualche modo poteva mettere a repentaglio la vita dei migranti.

Commenti