Cashback, chi paga con carta avrà fino a 300 euro all’anno

Nuova manovra del governo per incentivare i pagamenti elettronici e combattere l'evasione fiscale.

di Maria Barison 9 Settembre 2020 12:18

Il governo italiano sta attuando delle manovre importanti per la lotta all’evasione fiscale e l’ultima riguarda il cashback, ossia incentivare il pagamento con la propria carta, di credito o bancomat, per tracciare tutti i pagamenti e poter ricevere fino a 300 euro di bonus all’anno.

Purtroppo in Italia l’evasione fiscale continua ad avere proporzioni elevate e ciò mette ancor più in ginocchio l’economia del Paese. L’unico modo per poter evitare situazioni di questo genere è poter tracciare tutti i tipi di pagamenti, senza distinzione di cifre.

Come funziona il nuovo piano cashback?

Si parla di attuazione di questo nuovo piano già per il primo dicembre e potrebbe riportare nelle tasche degli italiani una cifra che potrà arrivare a 300 euro all’anno. Questa somma sarà raggiungibile per chi nel corso dell’anno avrà sostenuto spese per almeno 3.000 euro complessivi, con un credito che arriverà dunque al 10%. Al momento ancora non è stata chiarita la modalità di erogazione del credito, ma quello senza dubbio saranno notevolmente incentivate le micro transazioni, tanto che per accedere al cashback sarà necessario effettuare un numero minimo di operazioni.

Le varie manovre per incentivare i pagamenti elettronici

Una manovra importante che verrà sommata a quelle già varate nei mesi scorsi dal governo italiano, che prevedono un credito di imposta del 30% sulle commissioni addebitate a commercianti e professionisti per le transazioni effettuate con strumenti tracciabili e l’innalzamento per la soglia dei pagamenti contactless da 25 a 50 euro, soglia che entrerà in vigore dal primo gennaio 2021.

Ovviamente è fondamentale che qualsiasi settore commerciale si ritrovi con queste novità tecnologiche, ossia che il POS possa essere disponibile ovunque, anche per i commercianti di piccole botteghe o bar. A tal proposito già c’è stata una riunione tra il presidente del Consiglio dei ministri e i principali operatori del settore pagamenti elettronici proprio per puntare su un importante adeguamento tecnologico per il nostro Paese. Questa manovra dei 300 euro di bonus per chi paga con carta può quindi incentivare tutti, dai commercianti ai consumatori, ad effettuare pagamenti sempre tracciabili ed elettronici, velocizzando il tutto. Basterà insomma essere muniti di carta e non si avrà più bisogno di portare soldi cartacei con sé, anche un caffè in un bar potrà essere pagato con la carta.

Commenti