Come ristrutturare il bagno per renderlo a misura di bambino

Alcune dritte per comprendere come ristrutturare il bagno in modo da renderlo utilizzabile per il bambino

di Maria Barison 19 Maggio 2020 17:47

Spesso gli spazi di una casa non sono stati pensati per accogliere i bambini, ma questo non vuol dire che non si possa farlo quando si decide di ristrutturare casa, o il bagno.

E a proposito di ristrutturazioni, la legge di bilancio approvata alla fine del 2019, ha messo sulla carta un pacchetto di incentivi e detrazioni per le ristrutturazioni eseguite fino al 31 Dicembre 2020.

Nello specifico il beneficio si traduce nella possibilità di avere una detrazione IRPEF del 50% delle spese sostenute con un tetto massimo di 96 mila euro per ogni unità immobiliare.

I presupposti sono buoni e se abbinati ad una ristrutturazione eseguita ad arte da una ditta specializzata come Idea Casa Plan, i risultati sono garantiti.

Cosa considerare per un bagno a misura di bambino

Se nel bagno c’è una doccia e non una vasca da bagno (molto comoda se si hanno bambini), allora la ristrutturazione può essere l’occasione giusta per fare un cambiamento di questo genere.

Può capitare che lo spazio a disposizione non sia moltissimo. Proprio per questo esistono anche delle vasche da bagno di dimensioni ridotte rispetto a quelle classiche.

È necessario anche prestare attenzione alle altezze dei sanitari, dei termosifoni e dei complementi di arredo. I bambini sono amanti dell’esplorazione ed hanno sufficiente fantasia per poter trasformare un termosifone installato troppo in basso in una magnifica scala per arrampicarsi.

Se gli specchi sono posizionati troppo in alto, allora sarà opportuno utilizzarne uno con braccio estensibile. Per permettere ai bambini di poter lavare viso e denti in maniera comoda può essere molto utile uno sgabello che sia antisdrucciolevole.

Senza allontanarsi dall’argomento del bagno di piccole dimensioni, c’è da considerare un’organizzazione intelligente dello spazio. Esistono dei fasciatoi a muro che si possono aprire quando necessari. E, se si stanno sostituendo i sanitari (che rientrano nel bonus), allora sono preferibili quelli posizionati a misura di bambino.

In genere, quando si ristruttura il bagno si sceglie anche di intervenire sulle pareti con pitture e smalti che, spesso sono ricchi di sostanze dannose che vengono rilasciate nell’aria. Meglio allora dei prodotti a base di acqua, o una pittura lavabile se in casa si ha un piccolo Leonardo da Vinci.

Gli interventi mirati per la ristrutturazione del bagno a misura di bambino potrebbero continuare quasi all’infinito, ma la cosa importante è quella di rivolgersi solamente ad una ditta specializzata, soprattutto per poter ottenere il bonus ed avere dei lavori eseguiti ad arte.

Tags: bagno
Commenti