Leonardo.it
IsayBlog

Tsunami like, l’onda anomala che ha colpito il basso Tirreno

Le cause dello "tsunami like" non sono ancora ben chiare, ma si pensa ad un fenomeno di origine meteorologica.

di Elena Arrisico 17 luglio 2012 16:33
Mare

Un’onda anomala ha attraversato il basso Tirreno, in direzione nord-sud, venerdì scorso tra le 10:00 e le 12:00 di mattina. Lo “tsunami like” – questo è il nome che gli esperti hanno dato alle onde di questo tipo, perché la loro frequenza è superiore a quella di uno tsunami, ma inferiore a quella di una tempesta – è stato osservato da alcuni testimoni vicino Gaeta ed anche nei pressi di Crotone, oltre ad essere stata individuata chiaramente dai mareografi dell’Istituto per la Protezione e le Ricerche Ambientali, da La Spezia a Palermo.

L’onda anomala era alta quasi un metro ed il fenomeno ha avuto una durata di 3 ore circa, ritirandosi dalla costa di 20-30 metri e tornando poi nuovamente indietro ogni 3-5 minuti. Non sono stati segnalati, fortunatamente, danni di alcun tipo e la Protezione Civile ha ritenuto opportuno non diffondere comunicati, pare per non creare panico sulle spiagge.

Non è ancora ben chiara la natura del fenomeno perché, in un primo momento, l’evento è stato messo in relazione con una frana verificatasi all’Isola di Ponza – causata a sua volta da alcune scosse di terremoto – ma si è poi capito che i due fenomeni non potevano essere correlati, poiché la quantità di fango caduto in mare non era abbastanza da poter giustificare uno “tsunami like“. Successivamente, si è pensato anche ad una perturbazione ad alta quota che aveva attraversato la zona proprio in quelle ore, ma l’aeronautica militare ha reso noto che la pressione atmosferica non era di certo tale da poter giustificare uno tsunami.

Ad ogni modo, è possibile che quello verificatosi sia stato comunque un “piccolo tsunami” di origine meteorologica, a causa di variazioni repentine delle condizioni atmosferiche. Nel Mare Adriatico, se ne registrò uno simile nel 1978, quando le onde si levarono per 3 metri di altezza ed arrivarono sulle coste della Croazia.

84 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti