Terremoto di magnitudo 7.7 in Canada, allerta tsunami alle Hawaii

Le autorità locali, per il momento, non hanno registrato danni a cose o persone. Gli abitanti delle coste dell'arcipelago stanno evacuando le aree a rischio.

di Simona Vitale 28 Ottobre 2012 10:11

Una fortissima scossa di terremoto è stata registrata alle 20:04 (le 4:04 in Italia) nell’estremo ovest del Canada, sull’isola Haida Gwaii della Columbia Britannica. Il Centro allerta tsunami per la Costa ovest e l’Alaska (Wcatwc) ha emesso un’allerta per le aree costiere in prossimità dell’epicentro del terremoto che è stato alquanto violento. Nel suo ultimo bollettino, il Ptcw scrive che “si è generato uno tsunami che potrebbe causare danni lungo le coste di tutte le isole delle Hawaii”.

Gli abitanti delle coste dell’arcipelago stanno progressivamente evacuando le aree a rischio dirigendosi verso le aree collinose dell’entroterra. Secondo quanto riportato da Honolulu Star Adviser online, il principale quotidiano locale, le prime onde anomale erano attese intorno alle 09:30 italiane (nelle Hawaii saranno circa le 22:30 di sabato) e potrebbero raggiungere un’altezza di 180 centimetri.

Le aree più a rischio, secondo la protezione civile locale, sono Hilo (su Big Island, sud dell’arcipelago), Kahului (su Maui), Haleiwa (su Oahu, dove si trova la capitale Honolulu) e Hanalei (su Kauai, a nord dell’arcipelago).

Nel frattempo le autorità statunitensi hanno ridimensionato il primo allarme tsunami che riguardava il sud dell’Alaska e le Colombia britannica canadese, dopo il forte sisma che ha scosso l’area pacifica del Canada, con una magnitudo 7,7 della scala di Richter, nelle isole Queen Charlotte. Una piccola onda anomala è stata registrata a Craig, in Alaska, ma è stata nettamente inferiore alle attese, con un’altezza di 10 centimetri e nessun danno provocato.

Le autorità canadesi hanno fatto sapere che nessun danno è stato registrato, così come non vi sarebbero vittime. Nella zona del terremoto la placca del Pacifico subduce sotto quella nord-americana e si muove in direzione nord-nordovest a una velocità di circa 5 centimetri all’anno. Negli ultimi 40 anni l’area sopraddetta è stata interessata da ben 7 terremoti di magnitudo superiore a 6, il più forte di 6,6 della scala Richter nel 2009. Nel lontano 1949 fu registrato un sisma di 8,1 gradi.

Commenti