Giappone, terremoto di magnitudo 6,8 nel nord del paese

Ad un anno da Fukushima, una violenta scossa è stata registrata nelle acque di fronte all'isola di Hokkaido. Lanciata un'allerta tsunami

di Giulio Ragni 14 Marzo 2012 11:40

Negli occhi del popolo giapponese sta rivivendo in queste ore il dramma di Fukushima, ad un anno esatto dal quel terremoto che l’11 marzo 2011 sconvolse il paese provocando anche un disastro nucleare. Un violento sisma di magnitudo 6,8 è stato infatti registrato nel nord-est del Giappone, nelle acque dell’Oceano Pacifico di fronte all’isola di Hokkaido, a circa 210 chilometri dalla costa e ad una profondità di 10 chilometri.

Benché al momento il livello di rischio venga considerato basso, la Jma, Japan Meteorological Agency, ha lanciato l’allarme tsunami, avvertendo la popolazione di eventuali onde anomale, fino a 50 centimetri di altezza, a seguito della scossa registrata. Secondo la compagnia meteorologica nipponica, le zone particolarmente interessate sono quelle della prefettura di Iwate e di Aomori, nella parte orientale dell’isola di Hokkaido. La prima onda anomala è stata registrata alle ore 18 e 52 locali, le 10 e 52 qui da noi in Italia, senza causare danni: tuttavia, secondo quanto riferisce la tv pubblica Nhk, le autorità delle prefetture di Aomori e Iwate hanno invitato i residenti a lasciare la costa a scopo precauzionale. Le analisi della Jma prevedono che tutto l’Oceano Pacifico dovrebbe essere colpito dallo tsunami, sebbene fino a questo momento non siano state registrate vittime né danni: se anche venissero confermate le prime previsioni che parlano di possibili onde di mezzo metro,  si tratterebbe comunque di onde molto più piccole rispetto a quelle dello tsunami di un anno fa, arrivate fino a dieci metri di altezza.

Incredibilmente la terra torna a tremare in Giappone proprio ad un anno dal sisma che colpì il paese provocando più di 15 mila morti, a causa degli tsunami che interessarono anche le centrali nucleari: allora le scosse avevano raggiunto magnitudo 9, e le onde del successivo tsunami si abbatterono con violenza sulle coste. Anche questa volta il terremoto è stato di forte intensità, registrando una magnitudo 6,8 della scala Richter, ma fortunatamente, almeno per il momento, le conseguenze sembrano essere molto più lievi.

Commenti