Ritorna il baratto. Salame in cambio di quadri, accade in Italia

Si scoprono formule di scambio innovative come ad esempio i gruppi di acquisto solidali (Gas) o la condivisione dell’auto per andare a fare spesa

di Daniela Santoni 30 Settembre 2012 15:54

Un tuffo nel passato per sopravvivere alla crisi. Così si riscopre anche il baratto alias lo scambio di merce contro merce, senza utilizzo di moneta. Quadri in cambio di salami, una pianta di fiori per una bottiglia di vino, cassette di mele in cambio di statuette ricordo, ma anche bottiglie di olio scambiate per cassette di frutta e un weekend in agriturismo in cambio di ospitalità a Roma. Sono alcuni degli affari realizzati nel primo mercato del baratto al Festival nazionale di Campagna amica “Cibi d’Italia” al Circo Massimo a Roma. “Si tratta di una iniziativa -spiega Coldirettiper evidenziare i danni provocati dalla finanza esasperata degli ultimi anni, ma anche per sottolineare l’importanza di tornare a sostenere l’economia reale in un difficile momento di crisi”

Lo scambio di merci senza moneta, secondo un sondaggio della Coldiretti, è una idea che piace a 3 italiani su 4 che con la crisi aguzzano l’ingegno per cercare di continuare a stare bene. Si riscoprono vecchie ricette, come il baratto, ma anche formule di scambio innovative come ad esempio il proliferare dei gruppi di acquisto solidali (Gas), il boom degli acquisti e dei confronti dei prezzi sul web o addirittura il carpooling della spesa, con un numero crescente di persone che si mettono in auto assieme per dividere i costi della benzina e andare a fare la spesa nei punti più convenienti, dalle aziende agricole ai mercati degli agricoltori.

“Il baratto è stato per secoli a fondamento dell’economia e, in un momento di contrazione dei consumi come quello che si sta vivendo, si rivela un ottimo modo per entrare in possesso di prodotti rinunciando ad alcune delle tante cose inutilizzate che si trovano nelle case” si legge in una nota della Coldiretti. L’iniziativa consentirà di portare a casa vini, formaggi, salumi ed altre specialità esclusivamente made in Italy con proposte di scambio vantaggiose chiude la tre giorni del primo Festival Nazionale all’aperto dei cibi, delle tradizioni, dell’innovazione, della cultura e del valore dello star bene insieme, organizzato da Campagna Amica e Coldiretti. Le forme embrionali di ritorno al baratto si sono avute già qualche anno fa prendendo vita attraverso i forum. Già in siti come alfemminile.com almeno da 5 anni si procede a scambio tra i frequentatori delle varie sezioni, cosmetici in primis. Il fine è anche quello di evitare sprechi magari scambiando una crema che non soddisfa in cambio di uno shampoo o un rossetto. Una prassi utile anche per l’ambiente.

Tags: crisi · gas · spesa
Commenti