Artificieri in casa della famiglia al-Hilli, evacuati i vicini

Nessuno, ad esclusione degli artificieri, può avvicinarsi a meno di 300 metri dalla villetta della famiglia al-Hilli.

di Elena Arrisico 10 Settembre 2012 13:01

La polizia britannica ha isolato la casa della famiglia al-Hilli, barbaramente uccisa mentre si trovava in vacanza in Francia. L’abitazione a Claygate – nel Surrey – è, in questo momento, esaminata da una squadra di artificieri che si trovano sul posto per studiare del materiale sospetto rinvenuto nella casa.

Preoccupazioni sono sorte in seguito al ritrovamento di alcuni oggetti presso l’abitazione di Claygate. Stiamo evacuando i vicini. Quando avremo più informazioni, le comunicheremo“, ha spiegato la polizia di Surrey in una nota. Intanto, il cordone intorno alla casa è stato esteso ulteriormente ed i giornalisti sono stati allontanati.

Secondo il maggiore Chris Hunter – ex artificiere dell’esercito – la polizia potrebbe aver rinvenuto un ordigno esplosivo rudimentale, ma ha aggiunto che è comunque troppo presto per fare ipotesi.

La zona del ricco quartiere è stata evacuata, subito dopo il ritrovamento avvenuto questa mattina. A nessuno – tranne che agli artificieri – è consentito avvicinarsi a meno di 300 metri dalla villetta.

Ieri, nel frattempo, la bimba di 4 anni trovata illesa ha fatto ritorno in Gran Bretagna, mentre la sorella maggiore di 7 anni è uscita da poco dal coma farmacologico ed è ritenuta una testimone chiave della strage: “Era in un coma artificiale, ne è uscita ieri; adesso è sotto sedativi, si tratta di un processo normale“, ha spiegato il procuratore della Repubblica di Annecy, Eric Maillaud.

Commenti