Allerta caldo, i consigli del Ministero della Salute per difendersi

Bollino arancione in otto città, le dritte del Ministero

di fabiana 14 luglio 2018 11:00
caldo

 Fine settimana all’insegna del caldo torrido: nel weekend del 13-15 luglio le temperature arriveranno a toccare anche 36 gradi, con punte di 40 nell’entroterra delle isole.

Il Ministero della Salute ha già diramato l’allerta: saranno otto le città interessate dal bollino arancione, un livello 2 che indica temperature elevate e condizioni meteorologiche che possono avere effetti negativi sulla salute della popolazione, ma soprattutto per bambini, anziani e persone con il sistema immunitario indebolito.

Tornano anche quest’anno i consigli del Ministero per difendersi al meglio dal caldo di stagione. 

NON USCIRE NELLE ORE PIÙ CALDE: durante le giornate in cui le temperature si alzano, è meglio ridurre l’esposizione all’aria aperta nella fascia oraria compresa tra le 11.00 e le 18.00.

MIGLIORARE L’AMBIENTE DOMESTICO E DI LAVORO: lmeglio schermare le finestre esposte a sud e a sud-ovest con tende e oscuranti regolabili, persiane, veneziane, che possano bloccare il passaggio della luce, ma non dell’aria. Sì all’aria condizionata, ma con giudizio evitando di regolare la temperatura a livelli troppo bassi rispetto alla temperatura esterna. È sufficiente orientarsi su una temperatura tra 25-27°C con un basso tasso di umidità. Attenzione anche ai ventilatori meccanici perché accelerano il movimento dell’aria, ma non abbassano la temperatura ambientale. Il corpo continua a sudare ed è meglio assumere liquidi. Se la temperatura interna supera i 32°C, l’uso del ventilatore è sconsigliato.

BERE MOLTI LIQUIDI: Bere molta acqua e mangiare frutta fresca è fondamentale per contrastare gli effetti del caldo. Anziani e bambini devono bere anche se non sentono lo stimolo della sete. In particolari condizioni di salute (l’epilessia, le malattie del cuore, del rene o del fegato) l’assunzione eccessiva di liquidi è controindicata: in questo caso è bene consultare il medico prima di aumentare l’ingestione di liquidi.

NON BERE BEVANDE ALCOLICHE O BEVANDE CONTENENTI CAFFEINA: meglio pasti leggeri perché la digestione menta la produzione di calore nel corpo. Meglio scegliere abiti comodi e leggeri, in cotone, lino o fibre naturali, all’aperto è bene indossare cappelli leggeri e di colore chiaro per proteggere la testa dal sole diretto.

IN AUTO: ricordarsi di ventilare l’abitacolo prima di iniziare un viaggio, anche se la vettura ha un impianto di ventilazione. La temperatura va regolata su valori di 5 gradi inferiori alla temperatura esterna. Per mettersi in viaggio, meglio evitare le ore più calde della giornata e tenere sempre in macchia una scorta d’acqua. Mai lasciare mai neonati, bambini o animali in macchina, neanche per brevissimi periodi.

EVITARE L’ESERCIZIO FISICO NELLE ORE PIÙ CALDE: meglio evitare, ma in alternativa meglio integrare con molti liquidi e integratori.

OCCUPARSI DELLE PERSONE A RISCHIO: meglio visitarli un paio di volte al giorno controllando che non mostrino sintomi di disturbi dovuti al caldo, controllare più spesso neonati e bambini piccoli.

ANIMALI: Dare molta acqua fresca agli animali domestici e lasciarla in una zona ombreggiata per non farla riscaldare.

photo credits | think stock

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti