Primarie del Pd, come si vota

Domenica 30 aprile si vota per eleggere il sesto segretario del Pd.

di fabiana 29 aprile 2017 12:00
primarie pd

Tutto pronto per le primarie del Pd che si terranno domenica 30 aprile 2017 per eleggere il nuovo segretario del partito, fra Matteo Renzi, Andrea Orlando, Michele Emiliano. 

Gli elettori saranno chiamati a votare negli oltre 8mila gazebo allestiti in tutta Italia.

Vediamo le modalità del voto.

Gli elettori dem e gli iscritti al partito potranno scegliere il loro sesto segretario votando dalle ore 8 alle ore 20 di domenica e pagando 2. Chi si è registrato al sito entro il 27 aprile ha anche la possibilità di poter votare on line. 

Ma chi può votare il nuovo segretario del Pd? Sono ammessi al voto gli elettori e i ragazzi che abbiano compiuto 16 anni di età, che si siano registrati all’Albo delle elettrici ed elettori del Pd e che abbiano firmato la normativa sulla privacy.

Possono votare anche gli stranieri purché siano in possesso di regolare permesso di soggiorno o richiesta di rinnovo: in tal caso dovranno esibire la carta di identità, il permesso di soggiorno o la richiesta di rinnovo.

Per votare è necessario presentare il proprio documento d’identità e tessera elettorale.

Chi non è iscritto al Pd deve anche versare un contributo minimo di 2 euro.

Inoltre per votare, avranno l’obbligo di registrarsi on-line i ragazzi tra i 16 e i 18 anni, gli studenti e i lavoratori fuori sede e coloro che domenica non si trovano nel proprio Comune di residenza. Per votare è necessario sbarrare il nome del candidato che si intende sostenere.

Possono votare anche i cittadini che si trovano all’estero: in questo gli iscritti del al Pd e gli elettori registrati all’Aire (Anagrafe italiani residenti all’estero) che abbiano compiuto 16 anni e coloro che domenica 30 aprile si troveranno temporaneamente all’estero.

Si può anche votare on-line registrandosi sul sito entro le 18 di oggi, sabato 29 aprile, e pagando 4 euro su PayPal.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: pd · primarie · voto
Commenti