Uccise la madre con un martello, 15enne si è ispirato ad un telefilm

Il ragazzo affronterà almeno 16 anni di carcere.

di Simona Vitale 2 aprile 2012 19:27

Daniel Bartlam, un adolescente di 15 anni che ha picchiato la mamma a morte con un martello e bruciato il suo corpo in un omicidio a dir poco  “agghiacciante” ispirato dalla trama di Coronation Street rimarrà in carcere per almeno 16 anni. Daniel che aveva 14 anni all’epoca, inizialmente ha raccontato alla polizia che sua madre, Jacqueline, era stata uccisa da un intruso nella sua casa di Redhill, a Nottingham, il 25 aprile dello scorso anno.
Il ragazzino ha poi cambiato la versione della sua storia, affermando di averla uccisa dopo aver perso il controllo a seguito di una discussione. Ma dopo aver esaminato il suo computer, un detective ha recuperato una storia cancellata in cui un personaggio chiamato Daniel Bartlam ha ucciso sua madre nelle stesse circostanze.

La Corte Suprema di Nottingham  è venuta poi a sapere che l’adolescente era stato ispirato per il matricidio da una trama di Coronation Street, in cui uno dei personaggi, John Stape, ha ucciso una donna con un martello. Bartlam negato l’omicidio, sostenendo che era stato provocato. Il 15enne è stato condannato all’unanimità da una giuria nel mese di febbraio, e lunedì il giudice Julian Flaux, sollevato segnalazione restrizioni per permettere ai mezzi di comunicazione per citarne Bartlam.

I giurati aveva sentito dire che il ragazzo ha colpito sua madre sette volte con un martello prima di versare la benzina intorno a lei nella camera da letto, mettendo della benzina su un giornale, dando poi fuoco alla casa. Il corpo della madre è stato identificato dalle sue impronte dentali.

Bartlam rischia la condanna all’ergastolo, il giudice  ha però deciso un termine minimo di 16 anni. Egli ha descritto l’uccisione come grottesca e insensata, e ha detto che sembrava che Bartlam volesse “farla franca con l’omicidio perfetto”. Meynall Kate, che ha condotto l’indagine, ha detto che non aveva mai affrontato un caso così orribile. “Il livello di violenza, il grado di pianificazione e la portata delle sue bugie non solo è scioccante, ma è anche agghiacciante che un ragazzo di 14 possa fare ciò”, ha riferito, aggiungendo poi: “Questo omicidio ha devastato tutti i soggetti coinvolti. C’è solo una persona che sa perché è successo, e Daniel ha mentito in modo coerente in tutto. Tutti quelli che la conoscevano sapeva che viveva per i suoi figli ed era un ambiente familiare caldo, lei era una madre amorevole. Forse un giorno Daniel dirà la verità, in quanto vi sono diverse lacune che solo lui può colmare. Dal suo computer, abbiamo recuperato una storia cancellata di un personaggio chiamato Daniel Bartlam che ha ucciso sua madre nelle stesse circostanze esatte in cui è stato ucciso Jacqueline”.

I genitori di Jaqueline hanno rilasciato una dichiarazione nella quale hanno detto che la famiglia sta ancora lottando per venire a patti con ciò che Daniel aveva fatto. “Troviamo così difficile spiegare quello che stiamo attraversando. Non ci sono vincitori qui perché non solo abbiamo perso Jacqui, ma abbiamo perso Daniel a causa di quello che ha fatto. Sappiamo che è stato il giusto risultato a corte, ma cerchiamo di capire come un ragazzo che hai amato per 14 anni possa fare qualcosa del genere. Solo Daniel è in grado di rispondere ‘perché?'” hanno dichiarato i genitori.

16 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti