Uccidono la figlia 15enne con l’acido: “Aveva incontrato un ragazzo”

Sembra che, sebbene gravemente ustionata, i genitori abbiano atteso un giorno prima di portare la giovane in ospedale dove poi è morta.

di Simona Vitale 1 Novembre 2012 15:52

Una ragazza di soli 15 anni è stata uccisa con l’acido dai suoi genitori in una zona del Kashmir amministrata dal Pakistan. La sua colpa sarebbe stata quella di aver incontrato un giovane senza il consenso, per l’appunto, né del padre né della madre. La  notizia è stata riferita dalla polizia locale che ha spiegato che l’episodio è avvenuto nei giorni scorsi nel distretto di Khoi Ratta, a circa 140 chilometri dalla capitale regionale Muzaffarabad. 

Secondo la ricostruzione dei fatti, il padre della giovane dopo averla vista discutere con un ragazzo, l’ha dapprima picchiata salvo poi gettarle l’acido addosso con l’aiuto della moglie. Nonostante la 15enne fosse rimasta gravemente ustionata, i suoi genitori hanno atteso fino al giorno successivo per portarla in ospedale dove è infine morta, raccontano i funzionari di polizia.

La polizia è stata contattata dalla sorella maggiore della ragazza la quale, prima del funerale della sorella, ha chiesto che un’inchiesta fosse aperta  sulla sua morte. La polizia ha arrestato i genitori della giovanissima che hanno confessato l’omicidio della figlia e spiegando che la giovane era sospettata di avere una relazione illecita con un ragazzo. “Quando è arrivata in ospedale la ragazza era in condizioni critiche con ustioni sul 70% del corpo“, hanno riferito fonti mediche.

Commenti