Don Seppia, un ragazzo: "Se non la smette mi suicido"

di David Spagnoletto 24 Maggio 2011 15:37

Don Riccardo Seppia, il prete di Genova accusato di pedofilia, ha detto di non aver mai abusato di minorenni. A smentirlo sono le parole di alcuni giovani, che accusano il parroco.

Fra questi un 15enne, che secondo alcune indiscrezioni avrebbe mandato un sms a un’amica con scritto: “Se non la smette mi suicidio“.

Il ragazzo è uno di quelli che parte delle presunte vittime di Don Riccardo Seppia, il cui avvocato , Paolo Bonnani ha giudicato così il messaggio sul cellulare del 15enne: “una frase che chiunque potrebbe pronunciare senza avere nessuna intenzione reale di suicidarsi“.

Il prete ha anche detto che gli sms mandati a un altro imputato, l’ex seminarista e ora croupier Emanuele Alfano, erano solo parole che nei fatti non hanno avuto corrispondenza. Alfano ieri ha confermato di aver fatto sesso con minori. Minori che in un secondo tempo avrebbe presentato a Don Riccardo Seppia, che secondo voci vicino agli inquirenti potrebbe anche essere accusato di induzione alla prostituzione minorile.

Commenti