Di Maio pronto a dimettersi, alle 17 annuncio importante

Di Maio sembra pronto a rinunciare alla carica di capo politico del Movimento 5 Stelle, in giornata in arrivo un annuncio importante.

di Maria Apicella 22 Gennaio 2020 11:36

Luigi Di Maio sembra essere ad un passo dalle dimissioni da capo politico del Movimento 5 Stelle. A quanto pare alle 10 di questa mattina, il Ministro degli Esteri ha comunicato la sua decisione ai ministri del Movimento ed oggi alle 17 farà un annuncio pubblico importante.

A questo punto molti sono convinti che Di Maio si dimetterà da capo politico del Movimento 5 Stelle, ma non da Ministro degli Esteri. La notizia è iniziata a circolare ieri sera e nessuno all’interno del M5S ha smentito le varie voci, il che lascia ben intendere come effettivamente qualcosa di importante accadrà all’interno del Movimento. La notizia di per sé non dovrebbe più di tanto sorprendere, sono infatti settimane che si parla di questa volontà da parte del leader del M5S di abbandonare la nave, logorato dalle continue sconfitte elettorali e defezioni di parlamentari dal gruppo.

Di Maio contestato da tempo all’interno del M5S

In effetti la sua leadership è stata contestata da tempo, molti chiedevano infatti la separazione tra gli incarichi ministeriali e quelli di capo politico. E’ dal dicembre del 2017 che Luigi Di Maio è a capo del Movimento 5 Stelle, elezione tra l’altro avvenuta online contro semi-sconosciuti ed ha raggiunto l’apice nelle elezioni politiche del 2018, quando il M5S ha raggiunto il 33% dei voti, risultato storico che portò anche alla formazione del primo governo Conte. Il problema principale però è che da quel momento in poi il Movimento 5 Stelle si è ritrovato ad affrontare continue sconfitte nel campo delle elezioni locali, regionali ed europee. C’è stato un calo incredibile di seguaci del partito politico guidato da Di Maio e ad oggi i sostenitori si sono praticamente dimezzati.

Le uniche vittorie di Di Maio a capo del Movimento 5 Stelle

Le uniche note positive dell’operato di Di Maio riguardano il reddito di cittadinanza ed il taglio dei parlamentari, ma si tratta di successi che non hanno assolutamente assopito i malumori all’interno del partito. Un Di Maio che non si è dimostrato evidentemente il leader che gli stessi sostenitori del partito pensavano potesse essere e così i malumori sono continuati in maniera costante. Troppe scelte politiche errate, troppe sconfitte ed a questo punto la situazione per il leader del Movimento 5 Stelle è diventata insostenibile. A questo punto si attende già il possibile sostituto che tutti vedono in Alessandro Di Battista.

Commenti