M5S, espulsi De Falco, De Bonis, Valli, Moi

Espulsi dal Movimento 2 senatori e due eurodeputati, la replica di De Falco

di fabiana 31 Dicembre 2018 17:00

Il 2018 si chiude con l’espulsione di 4 parlamentati del Movimento 5 Stelle: il collegio dei Probiviri del M5S ha espulso dal Movimento i senatori Gregorio De Falco e Saverio De Bonis, e gli eurodeputati Marco Valli e Giulia Moi. 

L’annuncio arriva dal blog delle Stelle in un post: per il senatore Lello Ciampolillo resta un un richiamo, mentre vengono archiviati i disciplinari per i senatori Virginia La Mura e Matteo Mantero. 

Su Paola Nugnes e Elena Fattori, senatori dissidenti, il M5S non si è ancora pronunciato. 

Tutti sono importanti, nessuno è indispensabile. Oggi i probiviri si sono espressi con provvedimenti duri e giusti. Chi non sostiene il contratto di governo è fuori dal Movimento. Il rispetto degli elettori viene prima di tutto. 

Questo il tweet di Luigi Di Maio, leader del M5S e vicepremier.

Intanto via all’AdnKronos arriva la replica del senatore De Falco.

Non me l’aspettavo, si tratta di un provvedimento abnorme e incostituzionale. Speravo – spiega – che restasse vivo uno spazio democratico nel Movimento, che per suo statuto deve essere ispirato al metodo democratico. Con questa decisione si dimostra che nel M5S mentre si discute di saltare la regola del doppio mandato dall’altra parte ci si irrigidisce pensando che un parlamentare debba votare a favore della manovra senza nemmeno leggerla. 

Ma Di Maio difende la posizione del Movimento anche su Facebook. 

 cui si aggiunge anche un lungo post su Facebook. 

Qualcuno crede che per il solo fatto di essere senatore allora sia indispensabile per il Governo e per questo possa trasgredire le regole che ha firmato. Non è così. Noi siamo gente seria che rispetta gli impegni presi con i cittadini. Tutti sono importanti, nessuno è indispensabile. E se ci sono altri senatori o deputati che non intendono più sostenere il contratto di Governo, per quanto mi riguarda sono fuori dal MoVimento, anche a costo di andarcene tutti a casa. 

photo credits | think stock

Commenti