Biocontenimento BSL-4 della Protezione Civile per il 15 aprile, nulla di vero al momento

Sta circolando nelle ultime ore su WhatsApp nuovamente il messaggio sul biocontenimento BSL-4 della Protezione Civile, ma questa volta in arrivo per il 15 aprile.

di pask 20 Marzo 2020 9:59

In questi giorni di emergenza legata al Coronavirus stanno emergendo diverse fake news che purtroppo proliferano sugli smartphone di numerosi utenti e l’ultima è stata diffusa poche ore fa su WhatsApp e riguarda il biocontenimento BSL-4 della Protezione Civile per il 15 aprile.

Già ad inizio marzo era circolata questa notizia che però parlava del 15 marzo come data cruciale per attivare questo piano, ma come abbiamo potuto notare ciò non si è assolutamente verificato. Nel giro di qualche settimana ecco che la catena WhatsApp sul biocontenimento BSL-4 della Protezione Civile ha fatto di nuovo la sua comparsa, anche se questa volta è stata condivisa anche su Facebook ed altri social. Si parla del 15 aprile come giorno in cui, qualora la situazione d’emergenza assoluta sul Coronavirus non dovesse migliorare, si attuerà questo piano militare altamente restrittivo per tutta la popolazione italiana.

Cosa si intende per biocontenimento BSL-4 della Protezione Civile?

Il problema principale riguarda l’incredibile crescita di morti e contagi, ma è un andamento assolutamente fisiologico, visto come solo dal 9 marzo il governo abbia iniziato ad adottare misure più restrittive sul suolo italiano, fino poi a chiudere alcune attività commerciali che rischiavano di creare assembramento. Cosa si intende per biocontemineto BSL-4? In questo caso si parla di stop totale per ben 21 giorni, tutto sarà completamente chiuso, anche i supermercati, e solo un membro della famiglia, dotato di apposito kit di emergenza, potrà recarsi ai chekpoint militari per ricevere i dovuti rifornimenti.

Al momento risulta essere falsa la notizia sul biocontenimento BSL-4

Questo è il succo del messaggio che sta circolando nuovamente in queste ore su WhatsApp e sui vari social, ma non si può parlare al momento di notizia vera, anche perché nessun organo di stampa ha menzionato questo tipo di possibilità. E’ chiaro che in una situazione di questo tipo, dove il governo si ritrova a dover decidere cosa fare giorno per giorno, nulla può definirsi sicuro e non è un caso che proprio in queste ore Conte abbia candidamente rivelato come il decreto emesso fino al 3 aprile, con chiusure di scuole e altri esercizi commerciali, verrà prorogato a data da destinarsi. La quarantena per gli italiani non terminerà presto, ma al momento non si può assolutamente parlare di biocontenimento BSL-4 della Protezione Civile per il 15 aprile.

Commenti