Adam Mueller, 21 anni di carcere dopo report su brutalità polizia

Il giornalista è stato incriminato per aver violato la legge sulle intercettazioni, rischiando 7 anni come pena massima per ognuno dei 3 capi d'accusa.

di Simona Vitale 8 Agosto 2012 12:15

Adam “Ademo” Mueller, giornalista e co-conduttore del programma radiofonico Free Talk Live, rischia di dover affrontare 21 anni di carcere per aver riferito sulla brutalità della polizia verso gli studenti di una scuola superiore di Manchester. Mueller, anche fondatore di copblock.org, è stato accusato di tre imputazioni di intercettazioni, ciascuna delle quali comporta una pena massima di 7 anni. copblock.org è un progetto online che cerca di evidenziare quelle che sono le responsabilità della polizia e di “limitare le fin troppo comuni violazioni dei diritti che oggi esistono”.

Lo scorso ottobre, un video postato su copblock.org, mostra il 17enne Frank W. Harrington mentre viene sollevato dal posto dove era seduto nella caffetteria di una scuola da un poliziotto e sbattuto con la faccia contro una tabella. Harrington aveva preso il borsellino di sua sorella e ha detto che si stava solo scherzando. Sebbene l’adolescente abbia riferito che la sorella era largamente disinteressata,  i funzionari della scuola hanno coinvolto l’ufficiale Darren Murphy, che ha sollevato Harrington dal suo posto, lo ha sbattuto sul tavolo e poi lo ha arrestato. Harrington è stato sospeso per 12 giorni con l’accusa di condotta disordinata e resistenza all’arresto.

Michael Proulx, il 17enne studente presso la scuola che ha registrato l’incidente, è stato intimato da un funzionario della scuola di cancellare tutto ciò che aveva registrato, perché illegale. Proulx ha mentito, dicendo di aver solo scattato delle foto, salvo poi fare finta di cancellarle. Mueller, sul sito, ha cercato di difendere sia Proulx che Harrington, per poi chiamare anche il dipartimento di polizia di Manchester e la scuola in cerca di qualche commento. Il giornalista ha scelto di registrare le conversazioni avute con un capitano della polizia di Manchester, con il direttore della Manchester High School e con un segretario della scuola, includendo tutto in un video. Le accuse delle intercettazioni sono giunte qualche mese dopo, e lui è accusato di aver registrato le conversazioni senza il consenso delle altre parti.

La legge sulle intercettazioni dello Stato prevede che sia un crimine quello registrare qualcuno senza il permesso se lo speaker e ha ragionevole aspettativa che quello che sta dicendo non è soggetto ad intercettazioni. A Mueller è stato offerto un patteggiamento di due anni con sospensione condizionale della pena, che egli ha però rifiutato.

Mueller ha scritto in un post sul copblock.org. “In primo luogo, non posso andare contro i miei principi e firmare un accordo che dice che io riconosco le mie azioni come sbagliate o illegali. In secondo luogo, sono fiducioso di poter mostrare a una giuria, con i fatti e la logica, che non devo essere incarcerato per le mie azioni …. Lasciate che il circo abbia inizio! “. Ian Freeman, co-conduttore del programma insieme a Mueller, ha detto alla CNN che “la persona che deve affrontare le conseguenze è il funzionario che ha gettato quel povero ragazzino contro un tavolo durante il pranzo presso la mensa della scuola, non il giornalista che ha denunciato l’accaduto”.

Commenti