Padre di sei figli si dà fuoco davanti al Quirinale

Un evento improvviso che ha fatto scatenare immediati soccorsi, sulle cui motivazioni ci sono tuttora molti dubbi.

di Vincenzo Avagnale 18 ottobre 2012 16:02

I tempi di crisi provocano spesso sentimenti convulsi ed atti disperati. Non è chiaro se le motivazioni del gesto siano da attribuire all’annosa crisi economica, ma ciò che è certo è che oggi un uomo si è dato fuoco davanti al Quirinale, la residenza del Presidente della Repubblica.

L’uomo sarebbe originario della Romania, ha 55 anni ed è residente a Pinerolo (in Piemonte). Secondo alcune indiscrezioni, ancora non confermate, sarebbe disoccupato e con sei figli a carico. Il gesto autolesionistico è avvenuto con rapidità e senza alcun preavviso che consentisse alle forze dell’ordine, sempre presenti in zona, di intervenire. Il tutto si sarebbe verificato poco prima delle 14,00, concludendosi con il ricovero dell’uomo circa venti minuti dopo.

Il cittadino romeno è stato salvato da un carabiniere, il quale ha provveduto ad estinguere le fiamme con una coperta, non riuscendo però ad evitare che l’uomo riportasse gravi ustioni. Il cinquantacinquenne è stato poi trasportato al Sant’Eugenio per ricevere le cure adeguate alla situazione.

Secondo alcuni testimoni l’uomo è arrivato davanti alla residenza del Presidente della Repubblica quasi svestito e dopo aver urlato frasi sconnesse si sarebbe dato fuoco. Le sue ferite, pur non essendo mortali, sono ustioni di terzo grado, che ricoprono: mani, braccia e collo. L’intervento tempestivo dell’ambulanza del 118 ha evitato il peggio e le condizioni dell’ustionato sono adesso stabili. Sarà ora compito delle forze dell’ordine chiarire i motivi del gesto.

7 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti