Anche Sarkozy borbotta contro i tedeschi nei fuori onda

Il premier francese ha sempre fatto il santarellino ed ha sempre fatto comunella con la cancelliera tedesca Angela Merkel, ma a quanto pare la sua era tutta facciata ed anche la sua amministrazione ritiene il disimpegno tutto tedesco della Bce il vero problema da affrontare.

di Vincenzo Avagnale 19 gennaio 2012 7:43

Si sta forse incrinando il magico asse Parigi-Berlino? Probabilmente non è mai realmente esistito e come insistono a dire gli analisti una buona fetta della crisi europea è davvero colpa delle indecisioni della Germania, che avrebbe dovuto sostenere più concretamente le politiche protezionistiche della Banca Centrale Europea, evitando a monte che paesi come la Grecia e l’Italia cadessero sotto l’attacco delle speculazioni.

Così che il premier francese Nicolas Sarkozy si lascia sfuggire delle parole seccate durante un fuori onda, che adesso naturalmente sta facendo il giro del mondo. Il presidente della Francia ha avuto questo momento di disattenzione il giorno dopo il declassamento del rating del suo paese ad opera di Standard&Poors, mentre stava davanti alle telecamere in attesa di rilasciare un’intervista.

Il fuori onda è stato trasmesso dal giornale satirico “Le Canard Enchaine“. Secondo il settimanale il premier sperava fino alla settima prima di evitare il downgrade, ma purtroppo l’agenzia di rating non gli ha dato ragione e la Francia ha perso la sua tripla A.

Durante il fuori onda il presidente stava commentando questo fatto ai suoi consiglieri dicendo: ” anche se c’era da aspettarselo, quando succede fa male. Il vero problema è che non è dipeso da noi, è la governance europea ad essere responsabile. Pagheremo cara l’ortodossia tedesca. Da mesi non smetto di ripetere che il ruolo della Bce deve essere centrale e che non può giocare a nascondino: è questo il cuore del problema.”

Per il momento le reazioni dal fronte tedesco sono tiepide, ma è ovvio che c’è molto imbarazzo nell’ambasciata francese a Berlino, che risponde ai giornalisti con degli spazientiti “no comment“. Pare ormai, senza possibilità di fare facce di circostanza, che anche il principale partner della Germania la consideri come il punto centrale della soluzione europea, ma anche il paese che non ha voluto tendere la mano agli altri durante un momento di difficoltà.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti