Terremoto in Turchia, nuovo bilancio: 523 morti e 1650 feriti. 19enne tratto in salvo dopo 91 ore

Si aggrava di ora in ora il bilancio delle vittime del fortissimo terremoto che domenica ha sconvolto la Turchia. I soccorsi resi difficili dalle cattive condizioni metereologiche. Stamattina nuova forte scossa nella provincia di Van.

di Simona Vitale 27 Ottobre 2011 13:10

Continua l‘emergenza in Turchia dopo il fortissimo terremoto di magnitudo 7.2 che ha colpito il paese domenica scorsa. Il bilancio delle vittime si è notevolmente aggravato, fino a toccare, purtroppo, quota 523 morti e 1650 feriti. Ieri, invece, i morti rilevati dai responsabili dei soccorsi erano 481.

Il governo turco cerca di gestire, con non poche difficoltà, la situazione aiutato, perlomeno, dai numerosi aiuti provenienti dall’estero. C’è da dire poi che neve, freddo e pioggia non agevolano certo i terremotati e la ricerca di eventuali altri superstiti. Ulteriore tegola un’altra forte scossa, di magnitudo 5.4, che stamattina si è registrata nella provincia di Van, la zona maggiormente colpita dal sisma di quattro giorni fa. Per il momento non si hanno notizie di danni a persone o cose.

Una bella notizia in queste tristi giornate proviene da Ankara dove, quasi per miracolo, un ragazzo di 19 anni è stato estratto vivo dalle macerie dopo ben 91 ore, così come miracolosi sono stati  i ritrovamenti, nei giorni scorsi, di una neonata, estratta viva dalle rovine e sopravvissuta grazie al latte materno, di un bambino di 10 anni e di una ragazza di 26, tutti tratti in salvo dopo un considerevole numero di ore.

Commenti