Come scegliere un broker per le opzioni binarie

ultimamente si parla tanto del Forex, ecco a voi una panoramica su come scegliere un broker anche per le opzioni binarie

di Redazione 22 Aprile 2016 15:02

Molti utenti che si stanno avvicinando al forex nutrono non pochi dubbi sulla scelta del broker da usare, e se vogliamo si tratta di una condizione del tutto naturale dal momento in cui troviamo dinanzi ad un settore estremamente delicato, ad un mondo che tutti quanti farebbero bene a prendere con le dovute cautele e a sperimentare con un certo spirito di prudenza. Un po’ di premura è essenziale se si intende andare avanti in questo settore, e lo è non solo perchè il forex può trasformarsi in una concreta possibilità di perdere denaro, ma anche perchè i broker che oggi giorno operano nei mercati finanziari sono davvero tanti e non permettono quindi di poter essere definiti come migliori sulla base di una ricerca superficiale.

Come scegliere velocemente un broker di opzioni binarie

Se sei alla ricerca di un broker forex di cui ti possa fidare, quindi, devi prima di tutto darti del tempo utile da dedicare solo ed esclusivamente a questa tua mission: andare di fretta può pregiudicare una selezione efficace! Per cui non ti fidare del primo nome che ti capita davanti, non lasciarti abbindolare dalle pubblicità che tentano di catturare la tua attenzione tramite slogan appetibili e immagini curiose, ed evita di prendere per oro colato quel che ti consigliano altri utenti: sicuramente i consigli vanno sempre tenuti in considerazione, ma ciò che un trader può pensare di un broker magari non è lo stesso pensiero che finirai con l’avere anche tu (d’altronde il modo di pensare, di approcciarsi ad una cosa e di utilizzare un dato strumento cambia di utente in utente).

La cosa migliore da fare è semmai rivolgersi a quei siti web che espongono delle tabelle comparative. Con ogni probabilità hai già avuto modo dar loro un’occhiata, per cui tornaci sopra con tutta la calma possibile e dedica loro del tempo. Queste tabelle, infatti, sono il modo migliore e anche meno complicato per conoscere velocemente i tratti distintivi di ciascun broker forex: senza che tu ti debba impelagare in una ricerca prolissa che ti imporrebbe di aprire ogni sito web per ciascuna piattaforma esistente sul mercato, queste tabelle ti danno l’opportunità di capire un po’ le condizioni dei broker X, Y e Z senza particolari sforzi di sorta. Soltanto successivamente, se magari dovessi risultare interessato ad un determinato nome, potresti semmai pensare di approfondirne punti di forza e di debolezza sbirciando il suo rispettivo portale web.

Come scegliere un broker forex: i parametri più importanti

La regolamentazione – La prima questione che devi affrontare è quella relativa alla certificazione Consob. Devi infatti sapere che in rete possono esistere una miriade di broker che si propongono di metterti in contatto coi mercati finanziari di tutto il mondo a condizioni anche piuttosto appetibili, ma alla fine sono pochi quelli che possono contare sul “fattore legalità”: per assicurarti un’esperienza tranquilla e serena devi dirottare le tue attenzioni solo verso quei broker che vantano la certificazione ottenuta da parte di un apposito ente di controllo. In Italia è la Consob (http://www.consob.it/main/index.html) l’organo che si occupa di rilasciare le licenze per i nuovi broker che vogliono operare nei mercati finanziari, ed è sempre la Consob colei che ha il compito di regolamentare e controllare che tutti i player operanti nel forex e nella Borsa rispettino le disposizioni di legge.

Cosa significa tutto quanto ciò? Molto semplicemente che un broker certificato Consob ti darà quella garanzia di trasparenza che tanto vai cercando. Per cui la prima discriminante che devi far tua è quella di scegliere una piattaforma anzitutto sulla base del fatto che abbia o meno questa licenza: le altre, quelle prive di una certificazione Consob o Cysec, lasciale proprio perdere! Evita di cercarti guai sin dall’inizio, soprattutto perchè è questa la fase in cui sei ancora in tempo per tenerti alla larga da eventuali e spiacevoli eventi: tieni conto che un broker non regolamentato può sparire dall’oggi al domani, può farti operare tramite degli strumenti non propriamente legali e magari taroccare anche grafici, tempistiche e rendimenti a suo totale favore!

Gli asset – Dal momento in cui rendimenti, bonus, servizio di assistenza, grafica e via dicendo sono decretabili secondo i gusti, i limiti o le aspirazioni dell’utente, c’è solo un altro parametro che riteniamo imprescindibile per la scelta di un buon broker forex: la varietà degli asset con cui ti permetterà di operare. Se magari per il momento sei focalizzato solo su un particolare aspetto del trading online, ti consigliamo comunque di scegliere un broker che offre numerosi asset con cui operare, in maniera tale che se un giorno dovessi decidere di ampliare le tue conoscenze e di navigare su altri fronti potrai almeno farlo senza doverti affidare ad un altro operatore! La varietà degli strumenti su cui investire è un fattore molto importante di cui dovresti tener conto: assicurati quindi che il broker ti permetta di far uso di indici, azioni, valute, materie prime e che ti permetta di farlo ad orari e condizioni flessibili!

Tags: economia
Commenti