Salvini, via dai moduli “genitore 1” e “genitore 2”, solo padre e madre

Le posizioni etiche della Lega secondo il Ministro dell'Interno

di fabiana 10 agosto 2018 12:00

Mi è stato segnalato che sul sito del ministero dell’Interno, sui moduli per la carta d’identità elettronica c’erano “genitore 1” e “genitore 2”. Ho fatto subito modificare il sito ripristinando la definizione “madre” e “padre”. È una piccolo segnale ma farò tutto quello che è possibile e che è previsto dalla Costituzione. Difenderemo la famiglia naturale fondata sull’unione tra un uomo e una donna.

Questa la netta posizione del Ministro dell’interno Matteo Salvini intervistato dal giornale cattolico on line La Nuova Bussola Quotidiana.

Assolutamente contrario alla trascrizione dei matrimoni gay, Salvini ricorda nell’intervista “di avere chiesto un parere all’avvocatura di Stato e ho dato indicazione ai prefetti di ricorrere” riferendosi anche alle trascrizioni anagrafiche da parte dei comuni dei bambini nati grazie alla pratica dell”utero in affitto‘ che è attualmente possibile all’estero.

È certo che farò tutto quello che è possibile al ministro dell’Interno e che comunque è previsto dalla Costituzione. Utero in affitto e orrori simili assolutamente no

Inevitabile che il Ministro ammetta una certa diversità di opinioni con gli alleati dei % Stelle, ma “La Lega – ricorda il ministro – è per la libertà di educazione, per il diritto alla vita, per la difesa della famiglia naturale. Ma siccome i nostri alleati su questo non sempre la pensano come noi, accontentiamoci che non vengano fatti altri danni. In certi campi meglio non fare niente che fare danni”.

Ribadendo le posizioni su temi etici e anticipando le misure che il governo intende attuare per la famiglia, il Ministro conferma di voler aiutare concretamene le famiglie italiane sostenendo “la parte produttiva attraverso un abbassamento delle tasse”.

photo credits | instagram

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti