Processo Breivik, uomo si dà fuoco davanti al tribunale

Ancora ignoti l'identità e i motivi alla base del folle gesto dell'uomo, che la polizia ipotizza però sia di nazionalità norvegese.

di Simona Vitale 15 maggio 2012 15:32

Continuano a non mancare i colpi di scena al processo per le stragi di Oslo e dell’isola di Utoya dello scorso 22 luglio e che videro la morte di 77 persone per mano dell’unico imputato Anders Behring Breivik. Ebbene, un uomo si è dato fuoco davanti alla Corte distrettuale di Oslo, dove si tiene il processo. La notizia è stata riferita dalla polizia della capitale norvegese che ha spiegato anche che l’uomo, gravemente ustionato, è stato trasportato all’ospedale universitario Ullevaal.

Non si conoscono ancora né le generalità dell’uomo, né i motivi alla base del folle gesto. Quel che si sa, secondo quanto raccontato dal capo della polizia Finn Belle, è che l’uomo si è cosparso di un liquido infiammabile e si è dato fuoco con un fiammifero. La polizia è riuscita, fortunatamente, a spegnere le fiamme e l’incendiario è stato immediatamente trasportato in ospedale.

Il portavoce della polizia Kjell Jan Kverme ha riferito all’emittente norvegese NRK che la polizia crede che sia un cittadino norvegese, aggiungendo “ma noi non conosciamo ancora la sua identità al 100 per cento. Egli è gravemente ferito. Ha ferite sul petto e sullo stomaco”. Alla domanda se l’incidente sia collegato al processo contro Breivik, che va avanti dalla metà di aprile, Belle ha detto: “Si direbbe che ci sia una connessione, ma non abbiamo informazioni precise su questo”.

Il quotidiano norvegese VG ha postato un video sul suo sito web che mostra un uomo che corre verso il controllo di sicurezza al di fuori del tribunale con le fiamme tiro fino dal suo cappello. Un’altra sequenza ha mostrato, invece, gli agenti di polizia che cercano di soccorrerlo, togliendogli il maglione in fiamme. Non è il primo incidente che capita nel corso del processo Breivik, la cui sentenza è attesa per luglio. All’interno della corte, infatti, un uomo iracheno, il cui fratello è stato ucciso nel massacro ha gettato una scarpa contro il terrorista, colpendo però uno degli avvocati della difesa. Questo incidente ha brevemente interrotto il procedimento, che era andato avanti senza disturbi fino a quel momento.

1 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti