Processo Breivik, le testimonianze dei giovani sopravvissuti

Il racconto di alcuni dei giovani sopravvissuti agli attacchi di Oslo e dell'isola di Utoya dello scorso 22 luglio.

di Simona Vitale 14 Maggio 2012 16:42

Anders Behring Breivik, 33 anni, com’è noto ha sempre ammesso di aver fatto esplodere la bomba ad Oslo lo scorso 22 luglio e di aver sparato all’impazzata, lasciando 77 morti – tra cui 69 sull’isola di Utøya – ma ritenendosi non colpevole per il fatto che gli attacchi sono stati dovuti ad un atto di “autoconservazione” svolto per proteggere le “indigeni “, il popolo norvegese dall’immigrazione.

Frida Holm Skoglund, 20 anni, è stata il primo testimone della decima settimana di processo a chiedere che Breivik uscisse dall’aula prima di prendere la parola. Breivik ha concordato ed ha assistito alla testimonianza tramite videoconferenza. Indossando una fascia fatta di margherite, Skoglund ha descritto con voce tranquilla di stare nella tendopoli, quando ha sentito all’improvviso una serie di scoppi. Vide un uomo “vestito in uniforme della polizia” e improvvisamente i suoi amici campeggiatori “sparsi come gli uccelli“. L’uomo non era un agente di polizia. Era Breivik, compiendo quell’atto che descrive ora come “brutale ma necessario”. Skoglund inizialmente non si era resa conto di essere stata colpita. “Ho toccato la mia coscia e sentivo qualcosa di affilato lì dentro“, ha detto Frida, aggiungendo “L’ho tirata fuori e ho visto, ho sentito la pallottola”.

Un altro testimone, Silja Kristianne Uteng, 21 anni, inoltre, non ha capito di essere stata colpita fino a qualche tempo dopo l’evento. Pensava che il suo braccio era in qualche modo rimasto quando Breivik aperto il fuoco. Fu solo dopo aver corso per tutta la terraferma che si rese conto di essere stata colpita anche lei. I sopravvissuti hanno descritto il loro processo di pensiero in quanto tracciata la loro fuga. Lars Grønnestad, 20 anni, ha ricordato di essere disteso a terra dopo che uno dei proiettili di Breivik gli ha perforato un polmone. “Ricordo di aver pensato non posso stare qui, ho bisogno di andare via. Mentre stavo cercando un posto dove andare stavo pensavo: Chi potrebbe essere? Un estremista di destra, di sinistra, un colpo di Stato, cosa potrebbe essere? “

Quando gli agenti di polizia ha finalmente raggiunto dove si trovava, Grønnestad era riluttante a chiedere aiuto. “Ero un po’ titubante nel dire a loro che era stato un poliziotto un poliziotto a colpirmi. Pensavo che avrebbero finito ciò che l’altro aveva iniziato”. Più tardi, Skoglund descritto come Breivik avesse cercato di attirarlo a riva dopo aver iniziato a nuotare, chiedendo: “Tornate qui!” Non aveva intenzione di farlo. “Tutto è stato molto assurdo. Non ho davvero capito cosa stava succedendo, ma non avrei mai nuotato verso una persona del genere“, ha detto.

Ha nuotato, nonostante la ferita alla coscia, vomitato due volte e subito un attacco d’asma prima di essere trascinato a bordo di una barca a remi. Lei ha detto alla corte come un amico nuotasse con un braccio fuori dall’acqua, in possesso di un telefono cellulare, in modo da poter chiamare la polizia. “Abbiamo dovuto urlare al telefono per dire che non era uno scherzo … Abbiamo pensato che non ci stessero prendendo sul serio“, ha detto, sostenendo che l’operatore avesse riagganciato più volte. I sopravvissuti hanno poi parlato di come gli attacchi hanno influenzato la loro vita.

Skoglund ha dichiarato di aver vissuto spesso dei sensi di colpa. Alla domanda sul perché, ha detto: “Ero il leader della mia delegazione nella mia provincia e ho perso i tre più piccoli”. Grønnestad sembra aver affrontato meglio le cose. “Le cose stanno andando bene“, ha detto. “Ho reagito un po’ male ai suoni forti ma a parte ciò, ho una vita piena. Forse apprezzo di più le cose “.

Ma nonostante la sua vulnerabilità, Skoglund ha concluso il suo intervento con una nota di sfida. “Abbiamo vinto. Lui ha perso. I giovani norvegesi sanno nuotare”.

Commenti