Processo Breivik: il ricordo delle vittime e il mistero dei Templari

Il processo ad Anders Behring Breivik continua tra lo strazio delle famiglie e punti ancora da chiarire.

di Simona Vitale 7 Maggio 2012 16:40

Venerdì scorso, durante l’ennesima udienza del processo in corso ad Oslo e che vede come unico imputato Anders Behring Breivik per le stragi in Norvegia dello scorso 22 luglio e che hanno provocato la morte di 77persone, sono state sentite le sintesi delle relazioni delle autopsie delle persone defunte sull’isola di Utøya. Alcuni, tra avvocati e membri delle famiglie, hanno letto delle descrizioni dei loro amati defunti.

Trond Berntsen, l’agente di polizia fuori servizio è stata la prima vittima della sparatoria sull’isola. Quando la sua foto apparsa su un piccolo schermo in aula, l’avvocato della sua famiglia ha detto alla corte che i figli lo descrivono come il miglior papà del mondo. Aveva 51 anni. La 45enne Monica Elisabeth Bosei era affettuosamente chiamata ‘Madre Utøya’. L’avvocato della sua famiglia ha detto alla corte che il Primo Ministro Jens Stoltenberg aveva fatto riferimento a lei come “una roccia e una madre Utøya“. “In un campo con 600 ragazzi, ci deve essere un capo. Monica era una donna coraggioso, un capo autorevole e gentile”, l’aveva descritta Stoltenberg.

Successivamente, la corte ha udito di Rune Havdal, che aveva 43 quando è morta. Il suo avvocato ha descritto Havdal come una persona che ha portato un senso di sicurezza a tutti quelli che gli erano intorno. “Aveva una grande famiglia e molti amici”, ha detto il legale per conto della famiglia Havdal.Anche la 43enne Hanne Anette Balch Fjalestad era sull’isola in quel fatidico giorno. Il suo avvocato ha detto alla corte che Fjalestad, che ha dedicato gran parte della sua vita al volontariato, ha cercato di proteggere molti ragazzi, tra i quali sua figlia (20enne) e che sono sopravvissuti alla strage. Si è parlato poi del 30enne Snorre Haller. Un pittore di professione, attivo in politica e la lotta per i diritti del lavoro, per poi passare al 25enne Rolf Christopher Johansen Perreau, che è stato anche uno dei membri più importanti del Partito laburista giovanile. Alla convention nazionale del partito laburista nel 2009, ha ricevuto il diritto legale di apprendistato.

L’età media di coloro che sono morti negli attacchi è di 18 anni, e uno fra essi era la 17enne Lejla Selaci, leader della AUF Fredrikstad.
Il legale della sua famiglia l’ha descritta come una persona che ha sempre difeso la giustizia e la solidarietà. La sua citazione preferita è stata “Si dovrebbe essere per gli altri ciò che gli altri sono contro di voi”, ha aggiunto l’avvocato. La sua famiglia, in lacrime in tribunale, ha detto: “Ci incontreremo di nuovo. Riposa in pace, noi ti amiamo”. Steinar Jessen, 16 anni, è stato descritto dai suoi amici e dai suoi famigliari come un ragazzo gentile e premuroso. “Non poteva stare a guardare qualcuno che qualcuno venisse emarginato”, ha detto l’avvocato della sua famiglia. Birgitte Smetbak si trovava invece ad Utøya per la seconda volta. La 15enne era interessata alla musica ed era una persona molto premurosa. Birgitte aveva cominciato a fare progetti per il futuro ed era molto matura per la sua età, ha poi riferito il legale per conto della sua famiglia. Strazio, dolore e ricordo. Il processo è continuato oggi, ed il punto saliente è stato rappresentato dagli sforzi del pubblico ministero di contestare l’appartenenza presunta di Breivik all’ordine dei “Cavalieri Templari”. 

I Cavalieri Templari, o semplicemente “Templari“, erano un ordine cristiano fondato nel 10° secolo. Chiamati per il Monte del Tempio a Gerusalemme, i Templari inizialmente hanno protetto i pellegrini in viaggio attraverso la Terra Santa, ma alla fine si sono evoluti in una potente forza militare per la guerra contro i musulmani durante le crociate. I Templari divennero così potenti, tuttavia, che i leader europei iniziarono a diffidare l’ordine. All’inizio del 1300, il re Filippo IV di Francia ha lanciato un giro di vite sui Templari che, con l’aiuto di papa Clemente V, poi si diffuse in tutta Europa, distruggendo l’ordine. Molti membri sono stati torturati e processati per eresia dalla Chiesa cattolica.

Ma nonostante, o forse a causa, della loro storia antica e improvvisa scomparsa, i Templari continuano a detenere un potente influsso sull’immaginazione della cultura moderna. Essi sono spesso rappresentati come i controllori misteriosi del mondo in libri come “Il pendolo di Foucault” di Umberto Eco e film come “Il codice da vinci” e “Indiana Jones e l’ultima crociata” di cui i Templari sono considerati custodi segreti del Santo Graal. Se i Templari, dei quali rivendica l’appartenenza Breivik sono reali, il nome ha probabilmente lo scopo di evocare sia la natura misteriosa dei Templari originali, sia la loro guerra aperta contro le forze musulmane durante le Crociate. La reputazione moderna dei Templari fa da contrappunto simbolico forte a gruppi terroristici come Al Qaeda. Il blogger James Bosworth ha suggerito che l’uso del nome può anche essere fatto allo scopo di legittimare il gruppo come morale, ovvero, secondo il blogger: “L’etichetta dei Cavalieri Templari rappresenta un tentativo fallito di concedere legittimità storica ad un atto violento che non ha veramente alcuna giustificazione”.

Commenti