Padre Ian, il prete cattolico con nove figli

Padre Ian è un parroco cattolico che ha messo su una famiglia numerosa, composta da ben nove figli. Il Vaticano non l'ha scomunicato. Vediamo perché...

di Daniela Caruso 21 Dicembre 2011 21:22

Ian Hellyer è un prete cattolico che vive in Inghilterra. Il parroco ha ben nove figli, nonostante nella religione cattolica ci sia un netto contrasto tra attività ecclesiastica e la possibilità di procreare. Il sacerdote è sposato con Margaret e pare che abbia preso proprio alla lettera l’esortazione di Dio “Crescete e moltiplicatevi”. Sebbene abbia messo su una famiglia, per Ian non è arrivata alcuna scomunica dal Vaticano. La particolare storia del prete inglese è stata pubblicata dal Guardian: l’uomo, 45 anni, fino all’anno scorso era un pastore anglicano, convertitosi al cattolicesimo, dopo un percorso spirituale specifico.

Padre Ian fa parte dell’Ordinariato di Nostra Signora di Walsingham in Inghilterra e Galles: un ordine particolare che dà la possibilità ai preti che passano dall’anglicanesimo al cattolicesimo di mantenere il vincolo matrimoniale. Si stimano, ad oggi, 57 ex pastori anglicani passati alla Chiesa Cattolica, di cui 42 sono sposati. Di questo nutrito gruppo fa parte, ovviamente, anche Padre Ian. L’uomo spiega il suo passaggio spirituale, dichiarando quanto segue: “Mi sentivo come un pesce fuor d’acqua”, come se si trovasse a svolgere la sua missione in una Chiesa che non gli apparteneva. La moglie Margaret ha raccontato della doppia educazione ricevuta dai figli, in questi anni di riflessione del padre, scisso tra i due credo. La donna, infatti, ha dichiarato che “Alla domenica doppia celebrazione per tutti: prima quella tenuta da padre Ian e poi il rito romano“.

A convincere Padre Ian di passare alla religione cattolica è stato il viaggio di Papa Benedetto XVI in Inghilterra. Dopo aver ascoltato la sua omelia, Padre Ian avrebbe avuto la conferma di dover fare questo cambio e di passare, definitivamente, al Cattolicesimo. Pregare e avere fede in Dio non contrasta, necessariamente, con la famiglia: il celibato per il parroco non é una condizione necessaria per essere uomo di Chiesa: “Ritengo che non sia una questione fondamentale per la fede, come lo sono invece la resurrezione dei corpi o la verginità di Maria, temi sui quali gli anglicani sono stati sempre poco chiari”.

Commenti