Maldive, tutto quello c’è da sapere per viaggiare in questo paradiso

È il primo viaggio in tale località? Da italiani, dovete mettere in conto l’ottenimento di un visto di ingresso, che permette di soggiornare alle Maldive per un mese.

di Maria Barison 6 Febbraio 2019 8:15

Vengono da molti considerate come l’ultimo paradiso terrestre e, per tale ragione, ogni anno le Maldive sono visitate da tantissimi turisti, anche grazie ai numerosi pacchetti Eden che comprendono ogni tipo di comfort per questo viaggio. Un’isola tropicale in cui ci sono solo palme, tanta natura e la meravigliosa barriera corallina che si snoda all’interno di un’acqua che definire cristallina è quasi dir poco.

Maldive: tra immersioni e visite ai villaggi locali, ecco i mesi migliori in cui andare

Nel caso in cui amiate le immersioni, allora quest’isola tropicale è esattamente quello che fa al caso vostro, dato che c’è la possibilità di godere della vista di coralli e qualsiasi tipo di fauna marina. Con il passare degli anni sono nati anche dei villaggi e strutture di alto livello e qualità, con l’intento di poter accoglier nel migliore dei modi i turisti. È chiaro che si tratta di pochissimi villaggi per ciascuna isola, in maniera tale da scongiurare problematiche come il traffico, oppure la criminalità e l’eccessivo consumismo.

Una strategia politica e turistica che mira essenzialmente a non ribaltare completamente la quotidianità delle comunità che vivono in questi luoghi. Tra l’altro, i turisti hanno l’opportunità di visitare i vari villaggi di pescatori, tramite delle visite guidate, ma dopo devono sempre far ritorno in albergo.

È il primo viaggio verso questa meravigliosa destinazione? Se avete la nazionalità italiana dovete mettere in conto l’ottenimento di un visto di ingresso, che permette di soggiornare alle Maldive per un mese. Interessante notare come questo visto viene concesso in via del tutto gratuita, direttamente all’aeroporto di arrivo. Importante anche avere il passaporto con non scaduto, così come il voucher relativo alla prenotazione della struttura in cui si soggiornerà e i biglietti del volo aereo, incluso anche quello di ritorno.

Entro i trenta giorni da quando si è arrivati alle Maldive, si dovrà compilare un modulo prestampato e fornire anche due foto tessera che dovranno essere presentati all’Autorità Locale dell’Ufficio Immigrazione. Il consiglio migliore per chi ha intenzione di recarsi alle Maldive è quello di organizzare il viaggio nella stagione secca, in special modo nel periodo che va da dicembre fino ad aprile. Il problema è che in questi mesi viene considerata alta stagione e i prezzi sono particolarmente alta. Di conseguenza, un’ottima soluzione è quella di provare in un mese da maggio a novembre: certo, c’è meno folla di turisti, i prezzi si abbassano, ma spesso il clima non è esattamente l’ideale per godersi questi luoghi meravigliosi.

Commenti