Le principali insidie legali da conoscere prima di avviare una startup

L'avvocato Paolo Borrelli evidenzia che 'un legale può fornire tutto il supporto per capire come avviare la startup innovativa'.

di C. S. 26 Novembre 2020 18:51

Chi vuole mettere in piedi una startup è importante che abbia a fianco un legale. Questa figura è fondamentale sia per individuare la forma giuridica della startup, sia nei rapporti legali con i soci, ma anche quando la giovane azienda deve rapportarsi con la Pubblica Amministrazione o con gli investitori.

La normativa sulle startup ha l’obiettivo di promuovere la crescita sostenibile, l’incremento tecnologico e l’occupazione, in particolare giovanile, la crescita di una nuova cultura imprenditoriale, lo sviluppo di un ecosistema più incline all’innovazione. Determinate situazioni possono però presentare numerose insidie per la startup, ad esempio in fase di partecipazione a bandi pubblici per l’ottenimento di finanziamenti, contributi o sussidi per la propria attività. In questo caso il supporto di un consulente legale può costituire un mezzo fondamentale per la riduzione di tali rischi.

Un legale può inoltre fornire un supporto decisivo alle startup nella fase di negoziazione con gli investitori e nella predisposizione degli accordi che disciplineranno in concreto il finanziamento della neo-impresa ed il rapporto tra soci fondatori e nuovi investitori.

“Il legale – afferma l’avvocato Paolo Borrelli, fondatore dello Studio Legale Borrelli – può fornire tutto il supporto per capire come avviare la startup innovativa, quali sono i requisiti di legge richiesti per poter costituire una società di questo tipo e come proteggere gli eventuali prodotti sviluppati dalla società”.

Lo Studio legale Borrelli si avvale di un team multidisciplinare di professionisti in grado di affrontare con efficacia situazioni estremamente complesse e risolvere problemi che richiedono un approccio innovativo. Assiste imprese industriali e commerciali, nella strutturazione e nell’attivazione di ogni operazione societaria a carattere straordinario. Si occupa di operazioni straordinarie, acquisizioni e di startup.

Quando è il momento migliore per rivolgersi a uno studio legale? L’avvocato Paolo Borrelli afferma: “bisogna farlo prima ancora di costituire la startup. Il team con un’idea vincente può trovare nel legale un valido aiuto per capire la fattibilità del progetto rispetto all’ordinamento; può identificare la forma societaria più adatta e sopratutto, se ci sono già degli investitori, occuparsi della negoziazione con gli stessi”.

Non dimentichiamo l’importanza del marchio, sul quale va fatto un adeguato ragionamento in termini di protezione e di comunicazione al fine di massimizzarne il valore e anche in questo caso l’assistenza di un avvocato è rilevante.

Commenti