La madre uccisa perché la figlia indossa i jeans

Kamlesh Dubey, 55 anni, è stata colpita con un fucile dai suoi vicini di casa preoccupati che la figlia avrebbe potuto eccitare i maschi del quartiere.

di Simona Vitale 15 Giugno 2013 11:32

Se indossare i jeans fa parte della nostra quotidianità ed è tendenza che ormai passa completamente inosservata, in altre parti del mondo indossare (o permettere di far indossare) i famosi pantaloni può costare la vita. Siamo in India, nella regione dell’Uttar Pradesh, dove una donna di 55 anni è stata uccisa perché ha permesso alla figlia adolescente di indossare i blue jeans.

Kamlesh Dubey, è stata uccisa dal calcio di un fucile dai suoi vicini di casa, i quali non le davano la colpa di aver infranto qualche tradizione locale nel consentire alla figlia di mettere i jeans, quanto del fatto che, in tal modo, la ragazza eccitava i maschi che l’avrebbero guardata.

Anche la ragazza in questione e suo padre sono stati feriti nel corso dell’aggressione che ha coinvolto i parenti di entrambe le famiglie. Una delle persone coinvolte nella sanguinosa rissa ha dichiarato di essere preoccupata del fatto che il figlio, eccitandosi al passaggio della giovanissima in blue jeans, sarebbe stato spinto a commettere uno stupro, come tanti altri giovani residenti in zona.

Commenti