I giudici indiani che prendono in giro Berlusconi

Derisione per l'ex Premier da parte della Corte Suprema che si sta occupando della richiesta di licenza dei marò italiani in vista delle elezioni.

di Simona Vitale 19 Febbraio 2013 15:12

Le asserzioni di Silvio Berlusconi non mancano di suscitare ilarità anche al di fuori dell’Europa. Tanto che la Corte Suprema indiana, che sta valutando la richiesta di concedere una nuova licenza ai due marò Massimiliano Latorre e Salvatore Girone in vista delle imminenti elezioni politiche del 24 e 25 febbraio prossimi, si è ricordata del nostro ex Premier. Il giudice Vikramajit Sen, ha detto: “Ah, e’ da voi che un ex premier ha detto che è normale dare tangenti?”

Nella presentazione della richiesta di licenza dei due marò, di recarsi in Italia per quattro settimane per motivi elettorali e famigliari, l’avvocato Arish Salve ha già ricordato che l’Alta Corte del Kerala aveva concesso ai due marò un permesso di due settimane per le festività natalizie, dopo le quali Latorre e Girone erano poi effettivamente ritornati a Kochi. All’uscita dall’udienza l’avvocato Salve si è detto ottimista sulla possibilità che la richiesta venga accolta.

Commenti