I marò tornano in India: “Parola mantenuta” (VIDEO)

Ora i militari italiani attendono che i giudici indiani si pronuncino sulla competenza giurisdizionale del caso.

di Simona Vitale 4 Gennaio 2013 12:52

Hanno mantenuto la parola data. Parliamo di Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due marò accusati dalle autorità indiane di aver ucciso due pescatori. Come promesso giorni fa, i due stanno ora facendo ritorno in India mostrandosi fiduciosi nei confronti della giustizia locale dalla quale erano stati rilasciati su cauzione, in modo da permettere loro di fare ritorno in Italia e trascorrere le vacanze natalizie con le rispettive famiglie.

I due militari italiani ieri si sono recati in procura a Roma, dove è stato aperto un fascicolo per omicidio. Latorre e Girone sono stati interrogati dai pubblici ministeri per 5 ore, nel corso delle quali hanno rilasciato dichiarazioni spontanee sui fatti che sono accaduti il 15 febbraio 2012. Ora i due militari attendono che i giudici indiani si pronunzino sulle loro sorti. Ricordiamo che i marò si sono sempre difesi sostenendo di aver aperto il fuoco contro i pirati. I giudici dovranno esprimersi anche sulla competenza giurisdizionale del caso.

Commenti