Governo, Giuseppe Conte rimette l’incarico

Conte rimette l'incarico al Presidente della Repubblica

di fabiana 27 maggio 2018 20:10

Il presidente incaricato Giuseppe Conte ha rimesso l’incarico al presidente Sergio Mattarella come annunciato poco fa dal segretario generale del Quirinale Ugo Zampetti.

Conte rinuncia a formare il governo e rimette l’incarico: a far saltare le trattative è stato il veto da parte del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella sul nome di Paolo Savona. 

Il nome proposto come Ministro per l’Economia dalla Lega e sostenuto anche dal Movimento 5Stelle non è stato condiviso da Mattarella a causa delle sue posizioni euroscettiche.

Proprio stamane Lega e Movimento 5Stelle avevano lanciato l’ultimatum al Colle blindando il nome di Savona, ma il Presidente Mattarella non ha ceduto.

Dopo aver sperimentato dopo de mesi senza esito tutte le possibili combinazioni, si è manifestata una maggioranza fra Lega e Movimento 5Stella che hanno raggiunto l’intesa. Ne ho agevolato in ogni modo il tentativo di dar vita a un governo concedendo il tempo richiesto nonostante sia stato consapevole di aver attirato posizioni critiche. Ho accolto il nome di Giovanni Conte e ho accompagnato con attenzione il lavoro per formare il Governo. Nessuno può sostenere che io abbia ostacolato il tentativo di formare i governo del cambiamento nel rispetto delle regole della Costituzione. Avevo fatto presente ai rappresentanti dei due partiti e al presidente incaricato che per alcuni Ministeri avrei posto particolare attenzione. 

Questo pomeriggio il Professor Conte che apprezzo e che ringrazio mi ha presentato la lista dei Ministri che avrei dovuto firmare assumendomene la responsabilità costituzionale: il Presidente svolge un ruolo di garanzia che non può subire imposizione. Ho accetto tutti i Ministri eccetto quella del Ministro dell’Economia che costituisce un messaggio immediato per gli operatori internazionali e ho chiesto un rappresentante della maggioranza coerente con le linee internazionali. 

A fronte di questa mia sollecitazione ho registrato con rammarico ogni rifiuto e il presidente incaricato ha rimesso il mandato: l’incertezza sull’uscita dell’euro ha posto incertezza nei mercati internazionali con l’impennata dello spread aumenta il debito pubblico e riduce le potenzialità dello stato per gli interventi sociali. Ho fatto tutto il possibile per far nascere un governo politico anteponendo gli interessi degli italiani. 

Ha spiegato il Presidente della Repubblica che ha anticipato di voler decidere sulle eventuali elezioni nei prossimi giorni.

photo credits | twitter

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti