Etichette abbigliamento: ecco qual è il loro significato

L’etichetta dei capi d’abbigliamento si può ritenere come una fondamentale garanzia per il consumatore, non dimentichiamolo mai

di Giovanni Ugolino del Monferrato 3 Ottobre 2019 17:47

Mentre ci aggiriamo per i negozi alla ricerca di qualche capo d’abbigliamento da inserire nel proprio guardaroba, una delle prime cose che siamo soliti fare è quella di guardare l’etichetta. Ebbene, si può certo ritenere un elemento con le medesime funzioni di una carta d’identità, dal momento che svela ogni aspetto legato a quel determinato vestito.

A cosa servono le etichette abbigliamento

L’etichetta dei capi d’abbigliamento si può ritenere come una fondamentale garanzia per il consumatore, dato che tutti i dati che sono ivi riportati possono tornare decisamente utili a chi sta per acquistare. Infatti, sull’etichetta si trovano le modalità del lavaggio del vestito, le modalità con cui provvedere all’asciugatura o alla stiratura, i materiali con cui è stato realizzato il tessuto con relative percentuali.

Come si legge un’etichetta

Capire come leggere le varie etichette dei capi d’abbigliamento è molto importante per adottare i migliori accorgimenti per conservarli alla perfezione. Sull’etichetta nome e marchio del produttore non devono mai mancare, così come l’indicazione della composizione del tessuto e come debba essere curata la manutenzione dei vari capi d’abbigliamento. È bene ricordare come la dicitura “100%” oppure “puro” può essere inserita solo ed esclusivamente nel caso in cui il tessuto venga creato in tutto e per tutto con la medesima fibra. Nell’etichetta può essere inserita solamente una fibra quando quest’ultima arriva a toccare quantomeno l’85% delle componenti totali. In presenza di due fibre, di cui né una né l’altra arriva a oltrepassare l’85%, allora dovranno essere indicate entrambe.

Alla scoperta dei vari simboli

Per quanto concerne sia stiratura che lavaggio del capo, sull’etichetta possono essere presenti vari simboli. La bacinella sta a indicare il lavaggio in acqua e i gradi corretti da impostare, mentre il ferro da stiro indica chiaramente che si può stirare usando questo elettrodomestico. Un cerchio con una lettera evidenzia che si può lavare a secco, indicando anche il solvente da usare. Il triangolo permette di capire se il capo si può candeggiare o meno. Qualora i simboli in questione fossero sbarrati con una “x”, allora vuol dire che tale trattamento non si può portare a termine e bisogna ripiegare su un’alternativa.

Commenti