Carburanti, come identificare le nuove sigle

Al via da oggi le nuove etichettature definite in base agli standard europei

di fabiana 12 ottobre 2018 12:00
carburanti

Carburanti, si cambia: a partire dalla giornata di oggi, 12 ottobre, entra in vigore, nell’Unione Europea, e anche in Italia, l’obbligo di apporre sulle auto appena immesse sul mercato e sulle  pompe delle stazioni di rifornimento e di ricarica le etichette carburante che siano conformi allo standard che viene definito nella norma EN 16942. 

In pratica, per poter identificate gasolio, verde, gpl e metano, al distributore verranno applicate delle specifiche etichette e sigle che saranno posizionate sugli erogatori, ma anche sui serbatoi dei nuovi veicoli per evitare errori. 

Le nuove etichette definite dagli standard europei, sono contrassegnate e caratterizzate una forma geometrica che contiene lettere e numeri e consentiranno facilmente ai proprietari di poter fare rifornimento in modo corretto e indistintamente in tutta Europa. 

Il Comitato Europeo di Normazione (CEN) è stato incaricato di sviluppare un apposito standard sull’etichettatura armonizzata dei carburanti liquidi e gassosi che vale da oggi in tutti i 28 Stati membri dell’UE, ma anche nei Paesi dello Spazio Economico Europeo (Islanda, Lichtenstein, Norvegia) oltre che in Serbia, Macedonia, Svizzera e Turchia. Le stesse etichette verranno apposte anche sui veicoli prodotti in UE e anche a quelle destinate al mercato inglese. 

Ma come riconoscere le nuove sigle? 

Le nuove etichette presentano lettere e numeri inscritti all’interno di tre diverse forme geometriche: la sagoma di quelle per la benzina è circolare, la sagome delle etichette per il gasolio è quadrata e la sagoma delle etichette per i carburanti gassosi è a forma di rombo. 

All’interno di ogni forma appaiono anche le lettere e i numeri: ‘B‘ indica il gasolio (e un eventuale numero che indica la percentuale di biocarburante)  oppure XTL per il gasolio sintetico, E, indica la benzina, H2, l’idrogeno, ‘CNG‘ il gas naturale compresso, ‘LPG‘ il Gpl, ‘LNG‘ il gas naturale liquefatto. 

Prevista una nuova etichettatura anche per i veicoli elettrici o ibridi plug-in e le relative stazioni di ricarica in modo tale che gli utenti possano trovare il rifornimento adatto. 

photo credits | think stock

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti