Cristiano Ronaldo fa crollare azioni di Coca-Cola

Il calciatore ripudia la coca-cola escludendola dall'inquadratura ed incitando all'acqua.

di Maria Barison 15 Giugno 2021 20:15

Ha fatto scalpore il gesto di Cristiano Ronaldo dove durante una conferenza stampa Uefa, ha deciso di togliere dall’inquadratura due bottigline di coca-cola messe li sicuramente per sponsorizzare. È ormai noto che il calciatore è un estremo sostenitore salutista tanto da condizionare anche la dieta dei propri figli. Ora si può essere o meno d’accordo con queste sue scelte, ma cosa ha causato questo suo gesto? In primis un putiferio su facebook. Il calcio è lo sport più sdoganato del mondo, od almeno in Europa. Difatti siamo nel periodo del campionato europeo dove c’è l’attenzione di tutti i media del territorio. Un personaggio come Ronaldo è sicuramente circondato da molti sostenitori, ma come ogni caso, ha anche molti hater. Contro di lui si discute il gesto asserendo poi che egli stesso sponsorizza prodotti che contengono ingredienti poco salutari o comunque inquinanti per l’ambiente, risultando dunque incoerente con quello che ha fatto.

Poi ci sono i sostenitori se non del calciatore, ma comunque di un’alimentazione sana. C’è da dire che la coca-cola è risaputo ormai essere una bevanda che contiene elevate quantità di zucchero, nocive all’organismo. Quindi ha ragione Cristiano Ronaldo ad aver detto durante la conferenza “La mia immagine non dev’essere collegata a prodotti che fanno male alla salute. Ecco cosa dovete bere (alzando una bottiglia d’acqua“? In parte. Come ogni evento sportivo tutto è mantenuto dagli sponsor, quindi prima della sua immagine, c’è quella dell’intera Uefa. Però lui è Cristiano Ronaldo e giustamente il suo impatto nel mondo ha un certo rilievo.

Infatti proprio dopo questo gesto la coca-cola ha perso 1,6% del titolo in borsa passando da 56,10 dollari ad azione a 55,22. Cosa significa questo? Che si stima la coca-cola abbia perso sui 4 miliardi di dollari. Voi direte “E capirai” effettivamente alla coca-cola 4miliardi sono bruscolini se si stima che il patrimonio è passato da 242miliardi a 238miliardi, la cosa è alquanto irrisoria. La vera notizia resta comunque il fatto che non tutti siamo Cristiano Ronaldo, ovvero persone di dare comunque un certo impatto nel mondo o dar fastidio ad un impero industriale come quello di coca-cola che sicuramente si sarà fatta una risata in merito. C’è da dire però che la sensibilizzazione nel consumare in maniera adeguata determinati prodotti alimentari dovrebbe essere la base di ogni popolazione. In Italia c’è il triste primato europeo di casi di diabete, ed è una vittoria amara (in tutti i sensi) se si pensa che proprio questi tipi di prodotti possono causarlo.

Commenti