Torino, addestratore cinofilo muore sbranato da un bull terrier

La tragedia a Torino, ma si attende l’autopsia per verificare le cause della morte.

di fabiana 19 novembre 2017 11:30
bull terrier, addestratore

È stato sbranato da un bull terrier di un anno e mezzo e il suo corpo è stato rinvenuto trovato sabato sera, 18 novembre, in località Fontananera, corso Italia 14C, all’interno del giardino del condominio «Le Betulle» tra Monteu e Cavagnolo. Questo il destino di Davide Lobue, 26 anni, addestratore cinofilo che ha trovato la morte mentre stava addestrando il bull terrier che un amico di Chivasso gli aveva affidato.

Il corpo del giovane è stato ritrovato parzialmente sbranato e con segni di ferite e profonde lesioni: a dare l’allarme un ragazzi di 16 anni, vicino di casa. 

Al momento i carabinieri della compagnia di Chivasso e il medico dell’Asl stanno indagando per individuare la dinamica della morte del giovane e capire se l’uomo sia morto a causa dei morsi del cane su testa, collo, polpacci e altre parti del corpo o se sia morto per un’altra causa e solo successivamente sia stato azzannato dal cane ipotesi non remota visto che intorno al cadavere non si sarebbe trovato troppo sangue. In attesa dell’autopsia che chiarirà quanto avvenuto, il bull terrier e l’area dove è avvenuta la tragedia sono stati posti sotto sequestro.

La passione per i cani era qualcosa di innato per il giovane Davide che sul suo profilo di Facebook ripercorreva le tappe della sua passione cominciata quando era diventato volontario del canile e 16 anni per poi diventare a 18 anni educatore e istruttore cinofilo.

Da quel giorno non ho mai smesso di imparare, studiare libri articoli pubblicazioni, partecipare a stage e soprattutto lavorare in campo con cani e padroni.

Scriveva il giovane Davide sul suo profilo social.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti