Scuola, arriva il diploma in quattro anni

La sperimentazione partirà per l’anno scolastico 2018/2019 coinvolgendo 100 classi

di fabiana 7 agosto 2017 13:00

Svolta nella scuola: arrivano i licei brevi che consentono di potersi diplomare in soli quattro anni. La sperimentazione del percorso di studi quadriennale riguarderà 100 classi e sarà attivata per l’anno scolastico 2018/2019 coinvolgendo Licei e Istituti tecnici: il decreto firmato dal Ministro dell’Istruzione Valeria Fedeli prevede l’avvio di un Piano nazionale di sperimentazione con le domande che potranno essere inoltrare dal 1 al 30 settembre. Ogni scuola che inoltrerà la domanda potrà partecipare con una sola classe e dovrà presentare un progetto che sarà successivamente valutato dalla commissione tecnica ministeriale.

Le 100 classi sperimentali di tutta Italia (erano 60 precedentemente previste dalla Giannini), licei e gli istituti tecnici e professionali (statali o paritari), che vogliono tentare il piano quadriennale di formazione, dovranno distinguersi per un “un elevato livello di innovazione in ordine all’articolazione e alla rimodulazione dei piani di studio”.

Il progetto proposto dovrà includere necessariamente una disciplina non linguistica con metodologia Clil (in lingua straniera), la valorizzazione delle attività laboratoriali, l’utilizzo di tecnologie didattiche innovative.

Sarà ampliata l’offerta disciplinare con nuove materie, torna anche il progetto di alternanza scuola-lavoro da svolgersi nelle vacanze estive e nelle pause pasquali e natalizie.

E se gli studenti dovranno raggiungere gli obiettivi specifici del percorso di studi in quattro anni al posto dei canonici cinque, si prevede che potrebbero anche aumentare il numero delle ore previste: si prevede un superlavoro per gli studenti delle classi sperimentali che dovranno essere non poco motivati. Ogni classe potrà avere una capienza massima di 25 studenti aspiranti diplomati quadriennali.

Un superlavoro, in classe e a casa, che potranno sopportare solo studenti parecchio motivati. Le scuole dovranno indicare anche i criteri per selezionare gli aspiranti diplomati quadriennali, nel caso in cui le richieste superassero la capienza della classe che non dovrebbe superare le 25 unità.

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti