Francia, 19 centrali nucleari a rischio

Hollande ha già comunicato l'intenzione di chiudere la centrale di Fessenheim, entro il 2016.

di Elena Arrisico 2 ottobre 2012 12:59

Mentre il Giappone è sempre più vicino a dare l’addio al nucleare, che è ormai sgradito ai giapponesi – secondo un recente sondaggio condotto su un campione di circa 90 mila persone, il 46,7 per cento non desidera più fare affidamento sul nucleare, anche se questo potrebbe avere conseguenze sul caro-bolletta – in Francia, i sistemi di sicurezza di ben 19 centrali nucleari pare non rispettino gli standard di sicurezza imposti dall’Unione Europea. A sostenerlo è il quotidiano francese Le Figaro che ha precisato che l’allarme sulla sicurezza è contenuto in un documento della Commissione UE, stilato in seguito alla tragedia di Fukushima.

Secondo la relazione stilata da Bruxelles, sono state prese in esame le condizioni di sicurezza di tutte le 134 centrali esistenti nei 14 Paesi europei e, per quanto riguarda la Francia, in seguito alle indagini condotte, sono state riscontrate delle carenze in termini di sicurezza di 19 impianti. Secondo quanto scritto nel rapporto, pare che la situazione generale sia comunque giudicata alquanto soddisfacente.

Per nessuna delle 19 centrali francesi, però – 4 di queste non sono neanche lontane dai confini italiani – è stata chiesta la chiusura precauzionale, nonostante i problemi di sicurezza evidenziati dalla Commissione UE non siano nuovi: le carenze evidenziate nel rapporto di Bruxelles erano, infatti, già state riscontrate dagli stessi proprietari dei reattori in questione ed anche dall’Autorità di Sicurezza Nucleare francese ASN.

La messa in sicurezza di queste centrali – secondo le stime effettuate dall’Unione Europea – potrebbe costare dai 10 i 24 miliardi di euro, anomalie riscontrate anche in altri Paesi europei incluse. Il documento in questione sarà trasmesso ufficialmente alle autorità francesi a breve e dovrà, quindi, essere deciso il da farsi. Intanto, il presidente François Hollande ha già comunicato l’intenzione di chiudere la centrale di Fessenheim, cioè l’impianto più vecchio operativo in Francia la cui chiusura – secondo le previsioni – dovrebbe avvenire entro il 2016.

4 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti