Leonardo.it
IsayBlog

Xavius Scullark-Johnson, il carcerato lasciato morire nell’urina

L'uomo, che doveva scontare solo altri 3 mesi di carcere, non ha ricevuto adeguate cure mediche. La madre, ora, chiede giustizia per suo figlio.

di Simona Vitale 27 giugno 2012 1:18
Detenuti in cella

Un detenuto è stato lasciato a morire nella sua urina dopo che un’infermiera lo ha abbandonato a se stesso, sebbene avesse sofferto di convulsioni varie, secondo i documenti ottenuti dallo Star Tribune. Xavius ​​Scullark-Johnson, 27 anni, doveva scontare solo 3 mesi di carcere prima di uscire, quando morì nel giugno del 2010. Stava scontando una condanna a cinque mesi per violazione della libertà vigilata derivante da una condanna per aggressione di secondo grado. Ora sua madre, Olivia Scullark, ha citato in giudizio due infermieri impiegati dal Minnesota Department of Corrections nel carcere di City Rush, così come altro personale medico e gli ufficiali di correzioni, secondo quanto riportato dal Pioner Press.

La donna, come raccontato al The Huffington Post, ha presentato la denuncia perché il figlio, che soffriva di schizofrenia e di un disordine del comportamento, le aveva detto di fare ciò se non fosse riuscito a sopravvivere in carcere. “Mio figlio mi ha scritto un sacco di lettere” ha raccontato la donna che ha aggiunto: “I suoi attacchi sono peggiorati lì. Ha detto che se non fosse uscito vivo, avrei dovuto citarli in giudizio”.

La DOC Minnesota ha rifiutato di commentare la morte del 27enne, in virtù della causa in corso. Ma in una mail all’Huffington Post, la portavoce Sarah Berg ha detto: “Il dipartimento deve bilanciare le esigenze della nostra popolazione criminale con le limitate risorse stanziate dal legislatore.”

Secondo i documenti DOC e le relazioni dell’ambulanza ottenute dal Tribune, Xavius Scullark-Johnson è stata ritrovato “imbevuto di urina sul pavimento della sua cella” nella notte del 28 giugno 2010. “Era avvolto in una posizione fetale e in uno stato alterato di coscienza che suggerisce che avesse subito un attacco”. Questo, secondo appunti presi dall’infermiera Linda Andrews.

L’infermiera ha lasciato la prigione dopo che il turno è finito senza alcun contatto con il medico di guardia, ma dicendo invece agli ufficiali di dargli un’occhiata. Quando un ufficiale di correzione ha chiamato un medico nel momento il cui le condizioni del detenuto sono peggiorate, il medico ha consigliato all’ufficiale di chiamare il 911. Ma quando un’ambulanza ha accompagnato Scullark-Johnson verso l’ospedale, l’infermiera di turno, Denise Garin, se ne andò. La morte del 27enne è stata dichiarata qualche ora dopo.

David Fathi, il direttore della American Civil Liberties Union National Prison Project, ha riferito all’Huffington Post che per il governo è costituzionalmente necessario proteggere la salute dei detenuti. “I Funzionari della prigione hanno il dovere ai sensi della Costituzione di fornire prigionieri con cure mediche adeguate”, ha scritto l’uomo in una e-mail. “Quando si viola questo dovere, i risultati possono essere tragici”.

16 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: carcere · morte · usa
Commenti