Venezuela, si allarga l’incendio nella raffineria: 48 morti

Il bilancio è stato aggiornato nelle ultime ore, mentre le fiamme continuano ad espandersi.

di Elena Arrisico 28 Agosto 2012 11:42

L’incendio nella raffineria di Amuay, in Venezuela, si è esteso ad un terzo serbatoio: a renderlo noto, è stato il Ministero dell’Energia di Caracas, Rafael Ramirez, che sta cercando di far fronte alla drammatica situazione che, tuttavia, sembra essere sotto controllo.

Il bilancio, intanto, è stato aggiornato a 48 morti ed oltre 100 feriti. Le fiamme sono divampate nella notte di venerdì scorso ma, fino a questo momento, l’incendio aveva interessato soltanto 2 dei 9 serbatoi di carburante dell’impianto, il più grande del Venezuela. Il fuoco si è acceso in seguito ad una fuga di gas, le cui cause sono ancora da accertare.

Il presidente, Hugo Chavez, ha proclamato 3 giorni di lutto nazionale, spiegando che questa tragedia “tocca tutta la famiglia venezuelana, civili e militari“. L’incidente è avvenuto fra la notte di venerdì e sabato scorso, poco dopo l’1:00 ora locale – le 7:30 in Italia – presso l’Aguas Agrias di Amuay, nello stato Falcòn. Il boato dell’esplosione è stato avvertito fino a 10 chilometri di distanza.

Commenti