Aiutava i bimbi senza casa, in fiamme il suo orfanotrofio: 7 morti

La piccola struttura era gestita da una donna, che manteneva bimbi in difficoltà, abbandonati e senza più una famiglia.

di Elena Arrisico 4 Gennaio 2013 11:43

Un incendio è scoppiato in un orfanotrofio cinese e, al momento, le autorità locali e le unità di soccorso sono intente a cercare eventuali sopravvissuti e a contare i piccoli corpicini senza vita.

Secondo le autorità locali, al momento, sono 7 i bimbi morti fra le fiamme sviluppatesi nel piccolo orfanotrofio, che si trova nella provincia settentrionale dell’Henan, in Cina. 4 bambini sono stati rinvenuti già senza vita, mentre altri 3 sono deceduti poco dopo presso l’ospedale dove erano stati portati d’urgenza in seguito alle gravissime ustioni riportate nell’incendio. Attualmente, un altro bimbo si trova ricoverato in gravi condizioni a causa delle numerose ferite riportate, ma i dottori stanno cercando di salvarlo.

Le autorità locali stanno cercando di fare chiarezza sulla vicenda, infatti non si sa ancora quale siano state le cause che hanno portato all’incendio e quante persone si trovassero all’interno della struttura al momento della tragedia. Intanto, è stata aperta un’indagine in merito.

L’orfanotrofio era, in realtà, una piccola casa gestita da una donna del posto che aveva messo a disposizione la propria abitazione per accogliere bimbi senza più famiglia o in difficoltà. Il nome della benefattrice è Yuan Lihai ed è dal 1987 che la donna cercava di aiutare i bambini abbandonati, facendo l’ambulante di fronte all’ospedale della contea: sono oltre 100 i bimbi che Lihai ha aiutato in questi anni.

Intanto, si continua a cercare fra le macerie ed il bilancio, purtroppo, è destinato a crescere.

Commenti