Tim, il 17enne iperpoliglotta che parla 23 lingue (VIDEO)

Timothy Doner è un ragazzo prodigio di New York mentre studiava l'ebraico per il bar mitzvah, ovvero il rito che segna il raggiungimento dell'età adulta.

di Simona Vitale 11 aprile 2013 10:29

Ha soltanto 17 anni ma è in grado di parlare in maniera più che fluente ben 23 lingue. Parliamo di Timothy Doner, un ragazzo di New York divenuto famoso anche nel web per mezzo dei suoi virtuosismi linguistici contenuti in un video pubblicato su YouTube. Tra le lingue parlate da Tim ci sono: italiano, francese, latino, greco antico, mandarino, tedesco, ebraico, giapponese, arabo, farsi, pashtu, hindi, ojibwe, swahili, indonesiano, il wolof del Gambia e tante altre ancora.

Alcuni idiomi sono stati appresi dal 17enne a scuola, mentre per altri la fonte di insegnamento è stata internet. Tim si allena a perfezionare la conoscenza delle lingue grazie ai suoi amici sparsi per il mondo e con i quali comunica tramite Skype. Non solo. Anche a New York, nell’Est Village dove vive con i genitori, le occasioni di fare pratica non mancano di certo essendo la Grande Mela, uno dei posti al mondo dove si ritrovano persone provenienti da ogni angolo del globo.

Tim, il 17enne iperpoliglotta che parla 23 lingue (VIDEO)

Il giovane studente della Dalton School, inoltre, è anche molto diverso dallo stereotipo del ragazzo americano medio normalmente pigro e indolente. Tim è uno studente prodigio, una di quelle poche persone al mondo che è possibile definire iperpoliglotta per il fatto di sapere parlare fluentemente almeno 6 lingue (lui ne parla però ben 23).

Gli scienziati stanno ancora tentando di spiegare il fenomeno degli iperpoliglotti. Una teoria, pubblicata tempo fa su Cerebral Cortex, ritiene che le abilità linguistiche di uno studente siano maggiori laddove vi sia un grande giro di Heschl, ovvero un’area nell’emisfero sinistro del cervello che raccoglie la corteccia uditiva preposta alla percezione dei suoni.

Tutto è cominciato nel nel 2009, mentre Tim studiava per il bar mitzvah, ovvero il rito ebraico che segna il raggiungimento dell’età adulta, e per mezzo del quale ha dovuto imparare l’ebraico. Successivamente si è cimentato con l’arabo, riuscendo a leggerlo in maniera corretta dopo soli 7 giorni. Via via sono seguite tutte le altre lingue che lo hanno reso letteralmente un ragazzo da Guinness dei Primati.

Oltre 400 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti