Stadio Roma, Lanzalone si dimette dalla presidenza di Acea

Lanzalone annuncia le dimissioni da Acea dopo l'arresto di ieri

di fabiana 14 giugno 2018 15:30

Scattati ieri i 9 arresti e resi noti i nomi dei 16 indagati nell’inchiesta della Procura di Roma sulla presunta corruzione relativa alla variante del progetto dello Stadio della Roma, un progetto che rischia di fermarsi prima di cominciare.

Luca Lanzalone si deve dimettere da presidente di Acea. 

Avevo tuonato ieri il Ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, a Rtl.

E così è stato: a distanza di poco più di 24 ore dall’arresto, Lanzalone ha annunciato le dimissioni. 

L’avvocato Lanzalone ha rimesso il mandato di Presidente del Consiglio di Amministrazione di Acea SpA. Il Consiglio di Amministrazione, nella riunione del 21 giugno 2018, assumerà le opportune determinazioni al riguardo.

Comunica  Acea in una nota.

Secondo le carte e le intercettazioni, il ruolo di Lanzalone, ribattezzato già Mr.Wolf dalle intercettazioni, sarebbe stato quello di far coincidere gli interessi pubblici con quelli privati nell’operazione stadio della Roma. 

In effetti l’intervento e la mediazione di Lanzalone aveva apportato una modifica al primo progetto con una riduzione del 50% delle cubature, di alcune opere di servizio nonché la cancellazione delle due torri. 

Di fatto al momento si parla di corruzione trasversale, che tocca oò Campidoglio e la Regione Lazio coinvolgendo esponenti di spicco del Pd, di M5S e di Forza Italia: sono finiti in carcere il costruttore Luca Parnasi, i suoi collaboratori Luca Caporilli, Simone Contasta, Naboor Zaffiri, Gianluca Talone e Gianluca Mangosi. Domiciliari per Adriano Palozzi, vicepresidente del Consiglio della Regione Lazio di Forza Italia, Michele Civita, ex assessore regionale del Pd oltre a Luca Lanzalone, presidente Acea e consulente per M5S sullo stadio.

Per il momento dovrebbe subentrare un commissario che possa seguire la vicenda stadio, ma intanto Virginia Raggi ha accusato la stampa di essere di parte.

Il Comune, i romani e la società Roma calcio sono la parte lesa. Partono oggi le querele

Ha confermato il sindaco intervistato nella giornata di ieri sulla vicenda.

photo credits | instagram

0 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti