Scuola, al Sud si boccia più che al Nord

Uno studio condotto da Skuola.net, su dati messi a disposizione dal Ministero dell'Istruzione, ha messo in evidenza che le città con più bocciati e professori più severi sono concentrate nell'Italia meridionale. A Roma, invece, il liceo dove non ci sono studenti bocciati.

di Simona Vitale 7 Febbraio 2012 10:21

L’elaborazione da parte di Skuola.net  dei grandi dati messi a disposizione dal Ministero dell’Istruzione ha permesso di identificare zone e scuole dove si boccia di più e i professori risultano essere i più severi d’Italia. Il record nazionale di bocciature spetta all’istituto tecnico per il turismo Caracciolo di Napoli. Nessuna bocciatura al Liceo Classico Ponti di Roma. Di conseguenza i professori più severi si ubicano nel capoluogo partenopeo e quelli più clementi e grazianti nella Capitale. Analizzando il fenomeno dal rovescio della medaglia, sembra che dunque a Napoli si trovino gli studenti più somari, mentre a Roma quelli più diligenti. La ricerca, basata sullo studio dei dati del Ministero, sembra mettere in evidenza delle fratture abbastanza nette, sia tra i diversi indirizzi scolastici che anche, all’interno di una stessa città, tra i diversi quartieri.

Ed è proprio al Sud che si boccia di più. Guida la classifica Napoli, col 27,3 % di bocciati, seguita da Cagliari, col 17,8 %. In coda, troviamo Roma, con un terzo dei bocciati (8,8 per cento) di Napoli, Venezia e Genova. Gli studenti più impegnati sono quelli dei licei classici (5,2 per cento di bocciati), seguiti dai compagni del liceo linguistico e dello scientifico. Negli istituti professionali l’apice delle bocciature con il 22,8%. Nella Top Ten delle scuole con più bocciati d’Italia, 5 istituti si trovano nel Mezzogiorno. Svetta l’istituto tecnico-economico Caracciolo di Napoli con il tasso record di bocciati del 73,7 %. Segue l‘istituto professionale Silvestri, sempre di Napoli, con il 61,3 % di studenti non ammessi alla classe successiva. Sul terzo gradino del podio il tecnico agrario di Palermo, col 46,9 % di bocciati. Quarto l‘istituto tecnico Giorgi di Milano, a quota 37,9 %. Chiudono la lista delle 10 scuole più severe del Belpaese ancora un istituto di Napoli, l’artistico Palizzi con il 35,6%  e l’istituto professionale Pellegrino Artusi di Roma, col 35,5 % di bocciati.

Per chi invece volesse una scuola dove studiare sembra essere una pacchia e i bocciati sono praticamente inesistenti, occorre iscriversi al liceo classico e linguistico Setti Carraro/Dalla Chiesa di Milano, allo scientifico Castelnuovo di Firenze e al classico di via Da Garessio di Roma. 

Commenti