Scoperte scommesse truccate per mezzo milione di euro

Per la truffa il titolare di agenzie di scommesse utilizzava un sistema per modificare il software interfaccia tra l’agenzia e il Totalizzatore Nazionale.

di Enzo Mauri 14 Maggio 2012 10:33

Aveva ideato un ingegnoso sistema per truffare lo Stato ma è stato smascherato. La Guardia di Finanza di Palermo ha denunciato alla Procura della Repubblica il titolare di alcune agenzie di scommesse. L’uomo per anni ha alterato i dati comunicati ai Monopoli di Stato attraverso il sistema informatico del Totalizzatore Nazionale, dove vengono registrate e verificate le giocate truffando qualcosa come mezzo milione di euro.


In meno di tre anni sono stati comunicati ai Monopoli di Stato 80 mila euro di giocate, mentre in realtà l’ammontare delle scommesse, più di 42 mila, era di oltre  460 mila euro. Per la truffa veniva utilizzato un sofisticato sistema per modificare il software interfaccia tra l’agenzia e il Totalizzatore Nazionale.

 
Le Fiamme Gialle, i cui accertamenti erano in corso da mesi, hanno rilevato significativi scostamenti tra gli importi realmente scommessi, come risulta dai ticket stampati e consegnati dopo il pagamento e quelli comunicati ai Monopoli di Stato. Il titolare delle agenzie è accusato di truffa ai danni dello Stato, peculato e falsificazione, alterazione o soppressione del contenuto di comunicazioni informatiche o telematiche.

Commenti