Ritrovato mammut conservato nel ghiaccio da 10.000 anni, il video

di Simona Vitale 4 aprile 2012 19:26

Un giovane mammut, soprannominato “Yuka”, è stato trovato sepolto nel ghiaccio della Siberia vicino alle rive del Mar Glaciale Artico. L’esemplare mostra segni di tagli aperti che probabilmente gli sono stati fatti da un antico popolo. La carcassa è straordinariamente ben conservata, congelata ed è stata scoperta in Siberia come parte di una spedizione finanziata dalla BBC/Discovery Channel e si crede possa risalire ad almeno 10.000 anni fa, se non di più. Se ulteriori studi confermeranno i risultati preliminari, sarebbe la prima carcassa di mammut a rivelare segni di interazione umana nella regione. “Questa è la prima carcassa relativamente completa di mammut, cioè un corpo con tessuti molli conservati, che serve a mostrare le prove di associazione umana”, ha dichiarato Daniel Fisher, curatore e direttore della University of Michigan Museum di Paleontologia. Fisher, che è anche un professore, ha lavorato con un team internazionale di esperti per analizzare Yuka. Il francese Bernard Buigues, cacciatore di mammut di un organismo scientifico chiamato “Mammuthus” ha salvato il campione per evitare di farlo cadere nelle mani di collezionisti privati.

L’animale aveva circa 2 anni e mezzo quando morì. Fisher ha descritto quello che probabilmente è accaduto in quel giorno fatidico: “Sembra che Yuka sia stato perseguito da uno o più leoni o da altri grandi felini, a giudicare dai graffi profondi, non cicatrizzati nelle pelle e dai segni di morsi sulla coda”, ha rivelato Fisher che ha poi aggiunto: “Yuka, poi, a quanto pare è caduto, rompendosi una delle gambe posteriori. A questo punto, gli esseri umani potrebbero averlo spostato, usando le parti della carcassa utili ad essere cucinate e conservando il resto. Probabilmente, infatti, hanno seppellito il resto della carcassa in modo da tenerlo in riserva per un eventuale utilizzo successivo. Ciò che rimane oggi sarebbero allora degli avanzi che non sono mai stati recuperati.”

Fisher ha spiegato che le parti rimosse includono la maggior parte della massa del nucleo principale del corpo di Yuka, tra cui organi, vertebre, costole, muscolatura associata e alcune parti della carne della parte superiore delle gambe. Le parti inferiori di ciascuna gamba e il tronco rimangono intatte. Buigues ha aggiunto che sembra che gli esseri umani siano stati particolarmente interessati al grasso dell’animale e alle sue ossa di grandi dimensioni, che hanno tenuto vicino al corpo della carcassa. Egli ritiene possibile che un rituale potrebbe aver avuto luogo coinvolgendo le ossa.

“La maggior parte degli esemplari di mammut conservati nel permafrost consistono esclusivamente in ossa o frammenti ossei che attualmente forniscono una marginale nuova visione della biologia della specie in vita, anche se il DNA può essere estratto e sequenziato da questi campioni“, ha detto Campbell. “È estremamente raro trovare un esemplare quasi completo; come la scoperta del mammut bambino Lyuba nel 2007, sarà un vantaggio per i ricercatori in quanto li aiuterà a collegare fenotipi osservati (caratteristiche morfologiche che possiamo vedere) con genotipo (sequenze di DNA)”. Una domanda intrigante e controversa sarebbe quella di poter sapere se si può far tornare un mammut in vita tramite clonazione.

Campbell sostiene che il perseguimento di tale obiettivo “può portare a importanti scoperte nuove per la bioingegneria”. Anche Buigues e ha dichiarato: “Io non sono contrario ad un mammut nel mio giardino in futuro”. Tim Walker, produttore e direttore di una imminente trasmissione in programmazione sul canale della BBC/Discovery e che si chiamerà “Mammut”, incentrandosi su Yuka, ha dichiarato a Discovery News che la clonazione di un mammut potrebbe richiedere anni o addirittura decenni.

Ritrovato mammut conservato nel ghiaccio da 10.000 anni, il video

Oltre 800 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Tags: siberia
Commenti