Ragazza rivela di aver mangiato 4 mila spugnette con salsa piccante

Kerry Trebilcock, una 21enne della Cornovaglia, ha dichiarato al Sun di aver mangiato 4.000 spugnette, insaporendole con varie salse e di aver degustato anche ben 100 saponette. La ragazza è affetta da Pica.

di Daniela Caruso 5 Marzo 2012 16:40

Di solito utilizziamo le classiche spugnette gialle con rivestimento verde superiore (o di altro colore e forma) per lavare i piatti, o al limite, per pulire i sanitari. In realtà, l’utilizzo delle soffici pezze non è limitato solamente alla pulitura di stoviglie e altri oggetti della casa. Infatti, Kerry Trebilcock, una donna residente in Cornovaglia, preferisce mangiare le spugnette, piuttosto che usurarle nelle quotidiane pulizie domestiche. Come lei stessa ha dichiarato in un’intervista al quotidiano inglese The Sun, ha ingerito, sinora, più di 4.000 spugnette colorate.

La 21enne divoratrice di spugne ha rivelato di soffrire di una rara patologia, chiamata Pica. Tale malattia induce il soggetto che ne è affetto a sviluppare un irrefrenabile desiderio di ingerire oggetti non commestibili o non nutritivi. Tra questi, ad esempio, ci sono il gesso o la creta. Per essere considerati affetti da Pica, tale atteggiamento deve persistere per più di un mese. Ci sono diverse varianti di Pica, che si sviluppano in base a una certa tradizione culturale, a gusti acquisiti o a meccanismi neurologici come carenza di ferro o squilibrio ormonale.

In questo caso, appunto, le spugnette sono l’oggetto del desiderio culinario della giovane, la quale le consuma accompagnate da salse di contorno, come quella piccante o al senape. Non solo: Kerry ha, inoltre, aggiunto di aver mangiato anche 100 saponette. Kerry, infine, ha detto di non poter assolutamente restare senza il suo ‘piatto preferito’: pertanto, quando esce di casa e sa di dover passare molte ore in esterna, prima di uscire prende le spugnette e le taglia accuratamente in spicchi, facili da mettere in busta. Questi pezzettini di spugna li mangia come se fossero uno spuntino. Per insaporire il tutto, si serve, poi, di salsa al pomodoro o di salsa barbecue, accuratamente riposta in contenitori Tupperware. In questo modo, la ragazza non rischia di rimanere senza il suo adorato e gustoso snack.

Commenti