Piazza affari in positivo, spread sotto i 500 punti

Piazza affari ha iniziato l'anno in positivo, obiettivo notevole, ma non sufficiente; tuttavia questi primi risultati del 2012 fanno ben sperare ed aggiungendosi allo spread che finalmente è sceso sotto i 500 punti, potrebbe essere davvero il segnale che la crisi si sta lentamente avviando ad una fase conclusiva.

di Vincenzo Avagnale 3 Gennaio 2012 14:45

Finalmente qualche apertura in positivo per Piazza Affari, così Milano inizia meglio il nuovo anno ed il Ftse Mib parte con un rialzo dello 0,51% e 15.534 punti, affinacato dall’All Share che ha aperto le contrattazioni con un guadagno dello 0,46% e ben 16.301 punti. La notizia migliore però è che finalmente lo spread scende sotto quella tanto odiata soglia dei 500 punti, attestandosi sui 495 punti. Un buon sintomo per la salute dell’economia italiana, segno evidente che le pesanti correzioni della manovra economica voluta dal governo Monti stanno almeno dando qualche effetto nella finanza oltre che sul portafoglio degli italiani.

La tendenza positiva sembra essersi diffusa in tutta Europa. Le piazze seguono un andamento positivo che da ieri aveva fatto crescere di poco, ma costantemente, nell’attesa dei dati macroeconomici americani che verranno pubblicati a breve dalla Federal Reserv. Londra, il cui indice Ftse guadagna l’1,84% (con ben 5.647 punti), è la borsa migliore d’Europa; mentre più contenuto è il miglioramento del Cac 40 di Parigi, che registra un aumento dello 0,28% (con 3.231,43 punti). Anche Francoforte ha un buon rialzo, con un guadagno del Dax 30 dello 0,80% (con 6.124 punti).

Ottime le quotazioni delle banche, che sembrano consolidare la propria posizione, specialmente in ambito europeo, mentre purtroppo è in calo il titolo Fiat, che cede lo 0,43%, causato probabilmente dal calo delle immatricolazioni delle auto in Italia a dicembre.

Mentre il mercato americano rimane stabilmente su un cauto ottimismo, c’è qualche dubbio su quello asiatico, le cui principali piazze riaprono con piccoli miglioramenti. Chiuse Tokyo e Shanghai, mentre Hong Kong riapre guadagnando il 2,1%. I titoli del sud est asiatico e del pacifico più in generale sono tutti con segno positivo. Ad esempio l’Msci Asia Pacifico guadagna l’1,7%, l’Australia S&P$ASX 200 Idex sale all’1,1%.

Ottima la reazione alla riapertura in Corea del Sud, dove l’annuncio del presidente Lee Myung Bak su una possibile ripresa delle relazioni fra le due corree ha fatto balzare l’indice della sua borsa ad un +2,69%.

Commenti