Nemo piega New York: 1 morto e 600mila al buio

La costa orientale degli USA attraversa, a 3 mesi dall'uragano Sandy, quella che potrebbe essere la tempesta più violenta degli ultimi 100 anni.

di Simona Vitale 9 febbraio 2013 11:26

Al momento è di 1 morto e di 600mila persone al buio, il bilancio provvisorio della super tempesta Nemo che ha scatenato bufere di neve sulla costa nord-orientale degli Stati Uniti. Una persona ha perso la vita a causa di un incidente d’auto a Poughkeepsie, nello Stato di New York. Il blackout ha invece colpito centinaia di migliaia di abitazioni del Massachusetts, Rhode Island e Connecticut.

4.700, tra nazionali e internazionali, i voli cancellati nel nord-est degli USA. I tre aeroporti di New York, LaGuardia, Newark e John F. Kennedy sono tutti chiusi. Secondo quanto previsto dai meteorologi, a Boston la neve potrebbe raggiungere i 60 centimetri di neve, tra i 25 e 35 centimetri a New York. Nemo è frutto della convergenza di due diverse perturbazioni e arriva dopo soli 3 mesi dal passaggio dell’uragano Sandy sulla costa orientale degli USA, provocando la morte di un centinaio di persone e oltre 70 miliardi di dollari di danni.

Secondo alcuni, Nemo potrebbe rappresentare la tempesta più violenta degli ultimi 100 anni. Gli abitanti delle zone interessate, per tentate di farvi fronte, hanno letteralmente preso d’assalto supermarket e negozi dei beni di prima necessità, cibo e medicine. Nelle città di Boston, Providence e Hartford le scuole rimarranno chiuse, fino a quando la tempesta non abbandonerà tali zone. Le raffiche di vento potrebbero raggiungere una velocità di ben di 104 chilometri orari.

29 condivisioni e commenti
Condividi e commenta!

Commenti